“LE PAROLE DEL SILENZIO” Capitolo XV

 
 
 
 
 
 
                                                                                                                                                             by aquarius
  
I giorni sembravano interminabili, e le notti erano anche peggio.

Quella separazione forzata metteva a dura prova la pazienza di Julia che, non vedeva l’ora di riabbracciare Gustav.

Le mancava terribilmente: le mancava il suo sorriso, le sue battutine divertenti, i suoi sguardi eloquenti che le attanagliavano il petto, ma ciò che più le mancava era il suo modo di farla sentire al sicuro, protetta.

Adesso si sentiva così indifesa, così vulnerabile.

Anche Gustav soffriva per quella separazione.

Si rintanava spesso nella sua cuccetta: guardava le sue foto e ascoltava la sua musica sparata nelle cuffie ad alto volume.

Si era chiuso in un religioso silenzio e anche quando gli altri uscivano a divertirsi, lui se ne restava in disparte.

Bill lo trovava spesso seduto nel salottino del tourbus con gli occhi puntati verso il finestrino e durante le interminabili ore di viaggio, per spostarsi da un luogo all’altro, passava il tempo a fissare le luci dell’autostrada che sfrecciavano veloci.

Durante i concerti o le esibizioni, era completamente insensibile alle urla della fans che invocavano il suo nome a gran voce.

Per non parlare delle signing session alle Hot Topic.

Ne erano state organizzate diverse e la scena che si presentava era sempre la stessa: urla isteriche, sorrisini, foto e autografi ma lui non sollevava gli occhi verso quelle ragazze che quasi imploranti, lo supplicavano per un sorriso o per uno sguardo sfuggente.

Bill lo guardava con tenerezza; sapeva benissimo perchè si comportava a quel modo e a volte era geloso di quel sentimento così forte che lo legava a quella misteriosa ragazza dai capelli biondi.

“…..Profumeria Werner. Sono Julia, come posso aiutarla?”;

“Julia, scendi subito! C’è Gustav alla tv”.

“….Cosa?!”;

“Si vieni subito, lo stanno intervistando da Holliwood”.

“….Oh cielo! Non è possibile. Arrivo subito!” e riagganciò il telefono.

“Camille, per favore, sostituiscimi un attimo; ti prometto che torno prestissimo, ti prego, ti prego, ti prego”;

“Ma Sebastian…..” appena vide il volto supplichevole della collega non oppose più alcuna obiezione.

“Ok, ma fa alla svelta”;

“Grazie, sei un tesoro!”.

Corse lungo il corridoio e giù per le scale fino al reparto video e arrivò da Karin quasi senza fiato.

Tutti i televisori accesi erano sintonizzate su Rtl.

– Rtl intervista i Tokio Hotel nel loro tour promozionale negli Stati Uniti.

…..Hei, Wir sind Tokio Hotel! – lo avevano detto tutti in coro.

Julia non staccava gli occhi dallo schermo; guardava Gustav e le batteva fortissimo il cuore.

Che aria stanca e che occhiaie che aveva!

Lui guardava verso l’obiettivo e annuiva.

Durante l’intervista avevavo inserito un frammento di video girato durante la signing session a Philadelphia e avevano inquadrato Gustav mentre sfilavano davanti a lui centinaia di ragazze e lui non sollevava mai lo sguardo dal tavolo.

Julia scoppiò a ridere.

“Perchè ridi?” Karin la osservava curiosa.

“Non posso crederci”;

“A cosa?”ma lei non rispose. Era troppo occupata a guardare le immagini che scorrevano sullo schermo.

“Julia, a cosa non puoi credere?”;

“Mi ha detto che non le avrebbe neanche guardate…..e così ha fatto”.

Scuoteva la testa ancora incredula; il suo cuore questa volta non si era sbagliato.

Lui non l’avrebbe fatta soffrire, non le avrebbe fatto provare mai più l’umiliazione di sentirsi rifiutati….

L’intervista era finita e Julia restò lì immobile davanti allo schermo ma i suoi occhi si erano incupiti: ora che lo aveva rivisto, la nostalgia prese il sopravvento  e le lacrime le rigarono il volto.

Le asciugò in fretta col dorso della mano e senza dire nulla, si voltò e tornò al lavoro.

Il soundcheck si era svolto senza intoppi.

Bill aveva ripreso a cantare normalmente e anche gli acuti adesso erano perfetti.

L’atmosfera era la solita prima di un concerto.

Tom continuava a muovere le gambe disordinatamente, a strimpellare la chitarra e a sgranocchiare dolcetti; Georg  chiuso in bagno e Bill che sclerava con le sue paranoie ed esercitava la voce.

Gustav invece se ne stava in disparte: aveva già incerottato le dita, ascoltava la musica dalle cuffie ed agitava le bacchette; rimurginava su un pensiero che continuava a girargli per la testa già da qualche giorno poi all’improvviso sbottò:

“Basta, mi sono rotto di questo posto! Mi sono rotto di mangiare questa roba e mi sono rotto di viaggiare da una parte all’altra dell’America. Quando torniamo a casa?”;

I gemelli lo guardarono esterrefatti.

Gustav non si lamentava mai, era sempre cortese e disponibile e quella reazione proprio non gli apparteneva.

“Almeno un’altra settimana, credo” rispose Bill;

“Non è possibile! Non ci resisto qui un’altra settimana. Non capisco niente di quello che dicono! Mi guardano e sorridono come se fossi un idiota!”;

“Ci sentiamo tutti così. Anche noi vorremmo tornare a casa ma bisogna pensare alla band, farci conoscere e battere il ferro finchè è caldo. Questo è il momento migliore per conquistare il mercato d’oltreoceano. Quando abbiamo iniziato potevamo solo sognare di esibirci in America; te lo ricordi Gustav?”.

Le parole di Tom lo colpirono come uno schiaffo; abbassò la testa senza rispondere.

Tom aveva ragione ma la nostalgia cominciava ad essere un peso insopportabile e la voglia di Julia, cresceva ogni giorno di più.

Il cellulare vibrò nella tasca dei suoi bermuda; lo prese e guardò il display: un messaggio di Julia!

Tutti si accorsero dell’espressione sorpresa e del sorriso che gli si era dipinto sullelabbra e capirono chi era il mittente.

“Torno subito”.

Si allontanò dal camerino alla ricerca di un posto tranquillo.

Camminando, raggiunse il backstage; si sedette sulle tavole del palco ed aprì la posta in arrivo.

“Ciao Gustav, ti ho visto alla tv ; eri bellissimo!

Come stai? Avevi un’espressione così stanca.

Lo so è difficile stare lontani ma presto ci riabbracceremo.

Tieni duro amore mio, ti mando un bacio”.

  

“Tornerò presto e saremo di nuovo insieme,  mia piccola Julia”.

…………………continua 

Annunci

11 commenti su ““LE PAROLE DEL SILENZIO” Capitolo XV

  1. Prima! Oh, tesoro, quanto è bella questa fan fiction, mi appassiona sempre di più…
    Purtroppo io non terrò aggiornato questo blog… non ho capito perchè, ma nonostante cambi le impostazioni e tutto, mi riparte sempre da zero con la lingua… -.-”
    Me ne resto su blogger. Posterò presto un intervento in cui lascio il link dell’altro sito, in modo da rendermi reperibile anche a voi tutte che siete su WordPress. Resta comunqune un’ingiustizia incredibile, quella che ci stanno facendo… purtroppo però come sempre accade con chi ha “potere” (in questo caso i signori dell’informatica) non possiamo cambiare le cose. Che schifo. Va beh, vado a lasciare il link nell’intervento.

    Ah! Con Blogger puoi commentare anche se non sei iscritta, basta accedere con il proprio profilo msn oppure lasciare un nick e un link (forse questo è più raccomandabile) in modo che ci si possa contattare a vicenda… un bacione enorme Miss Bond. Ti voglio tanto bene… Macky

  2. eggià dai cm ho imparato ad usare l’altro imparerò pure questo però mi devi spiegare tante tante cose!ad esempio come hai fatto a mettere date post ,sottiscrizione email,foto,le fan fiction di aquarius dove dici:::Benvenuti nel Mio Mondo Meraviglioso .
    Il mio rifugio incanto , un luogo Fatto di sogni e di Desideri, di Pensieri e di Sentimenti .
    Viaggia attraverso le righe del cuore , guarda con Occhi indiscreti e senti il dolce respiro…ecc poi la riga orizzontale dove c’è scritto questo!
    “LE PAROLE DEL SILENZIO”
    “NON DIRMI MAI TI AMO
    “STA ZITTO E BACIAMI!”
    COMMENTI
    Senza categoria
    e che io ho ma nn so cm aggiungere altri oltre che senza categoria e la foto accanto alle fanfiction di aqurius!
    cmq ti devo ringraziare per avermi aiutato csì tanto ieri e scusa se ti ho tirato seccaaa!
    cmq hai un worpress o blog stupendooo tessoro!!!ti voglio un mondo di bene un baciooneeeee ciauuuu kuss!!!=)

  3. ehi si diciamo che grazie al tuo aiuto è migliorato tantissimo (o.o)xdxd grazieeee
    cmq ho aggiunto anche quello x iscriversi come il tuooo!
    ma tu hai anche c’è sai dove c’era privato o libero. . .tu hai messo anche che si può visulizzare da google o altro?
    io no nn mi sn fidata!
    cmq sistemat tutto beh devo dargliene un altra di sistematina. . xdxd
    cmq ma tu l’hai da qnd bisognava cambiare lo spaces in questo o già da prima?
    daiii grazie anco di tuttoo tesoro!=)
    ti voglio un mondo di bene grazie graziee un bacio enorme
    kussssssssssss!!=) a prestooo

    p.s:l’unica cosa di positivo è che si poxono metteree commenti lunghiiiiiiii ciauuuuuuu

  4. FRaaaa…ma come ho fatto a perdermi questi bellissimi capitoliii!! *.*
    Questa FF mi sta conquistando sempre di più!! E’ bellissimaa!! Poveri ragazzi li comprendo a pieno!!! Spero che tornino presto a casa.
    Complimentissimi Fra…POSTA PRESTO mi raccomando!!
    Ti voglio bene

  5. Hey Fraa…grazie per il commento alla FF. Sei sempre gentilissima. ^^
    Non ti preoccupare per quel dramma perchè tra poco ci sarà un enorme colpo di scena xDD.
    E penso che ti stupirà parecchio. ^_^
    Io sto bene..anche se ultimamente ho avuto qualche crisi di nostalgia..però..tutto sommato non mi lamento.
    A scuola tutto normale..la cosa bella è che la prof di italiano di è ingessata il 12 di Settembre e la vedo per la prima volta domani ^^
    Si sono anch’io su questo coso..si hai ragione non è malaccio..pensavo peggio..
    speriamo che le visite non tocchino il fondo.
    Tu che mi dici?
    un bacione ti voglio bene.

  6. Ehi ciau tesoro!!grazie x il commento=)cm va?
    io sto malissimo!
    ho mal di stomaco di frequente mal di testa ieri ho avuto addirittura la febbre!!=(
    ieri fi ho pianto da mattina a sera!
    cma che racconti?
    un bacio tesoro vadoo xkè nn mi sento bn. . .scusami
    ti voglio tantissssiimmo beneee
    ah ricordati blog stupendo!!^_^

  7. Eccomi qui Bondina! Avevo già letto il capitolo, ma sono tornata perchè ho visto (finalmente) il commento all’altro post… guarda un po’ te! Non mi fa nemmeno vedere i commenti il mio wordpress. Che schifo!!! >.<
    Adesso che gironzolo un pochino più spesso per blogger, ho avuto la possibilità di lasciare qualche commento: prova a selezionare l'opzione (dove c'è la freccina per scegliere l'ID) di WordPress, magari funziona… (YN) Speriamo…
    Uffa… mi mancano incredibilmente i nostri blog… era tutto molto molto più bello…. ç.ç

    Senti tesoro posso chiederti un favore enorme? Quando posti potresti lasciarmi un post in bacheca sul profilo di Macky McDarkness (quello dedicato alle FF)? Perchè è da un po' che non accedo a Windows Live e quindi mi perdo tutte le notifiche… ormai lo uso solo per msn e per la mail…

    Per il resto come stai? Tutto bene? scuola? come va la convivenza con l'altra classe? UN bacione enorme! Ti voglio tanto tanto bene.
    Macky

  8. era il giorno d’estate più bello quando una piccola ragazza scoprì il vero significato di fan!
    si chiamava saruz (x le amiche)
    era dolce tenera e piena di sogni.
    ma quel giorno tutto cambiò!questa ragazza aveva appena onosciuto i suoi quattro idoli.
    così iniziò la viata di un’ altra fan!
    giorno per giorno coltivava le sue emozioni per loro e man man il tempo scorreva la sua camera si riempiva di poster!
    la mamma della ragazza le disse:in tono scioccata dalla pettinatura di Bill
    e saruz
    la mamma
    ————-
    il tempo passava e saruz diventava sempre più diversa ma nn cambiava in pegio cambiava in meglio!
    la mamma era molto felice e fiera della sua bambina cosìcche decise di regalargli insieme al nonno settimana per settimana un loro giornalino;
    certe volte arrivava a spendere fino 15 euro!!
    beh ma si sa x le figlie e le nipoti tuttto!!(:
    ormai l’estate era finita!
    saruz doveva iniziare la prima media!
    era molto brava prendeva sempre ottimi voti.
    ma purtroppo con l’impegno della scuola smetteva di essere per un certo periodo di tempo loro fan!):
    aveva pochissimo tempo per fare tutto ma quanto poco gliene bastasse riusciva sempre a dedicarne uno allo sport!
    il fine settimana era dedicato solo ed esclusivamente ai TH (abbreviazione di tokio hotel)
    beh cambiava i poster sulle porte ascoltava musica beh diciamo che ra una vera fan!
    finchè un giorno accaddè che…..

  9. la prima se me la approvi dovrebbe essere questa!
    con il titolo *VITA DA FAN*
    che cosa ne pensi??
    siii fa schifffooo oddiiooo
    cmq cm va????
    io tutto beene
    scuola?amici?vita da fan??
    ahaha
    bacioooo grazie
    di tutto grazie per avermi sostenuta in questa scielta
    trnquillaa se fa schifo dimmelo pure nn mi offendo!>.<
    un baciooneee enorme enormissimmooo grazieeeeee
    on in modo da fan th danke!!
    xD
    garzie di tutto davvero ciaooo ti voglio tantissimmo beneeee!!

  10. tesoro all’inizio la ottava riga dove dice la mamma le disse:
    chi sono questi qua?? in tono scioccata dalla pettinatura di bill
    saruz:i tokio hotel
    mamma:che sia chiaro!ti lascio fare questa vita da fan a patto che tu nn trascuri la scuola o lo sport x qst qua!!
    saruz okok mamma!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...