“LE PAROLE DEL SILENZIO” Capitolo XX

 
 
 
 
                                                                                                                                                             by aquarius
  
  

Capitolo XX

  

Durante il tragitto per riaccompagnare Julia a casa, restarono in silenzio.

Gustav rifletteva sulle parole di Franzi e rivedeva quella foto che era ormai impressa nella sua mente.

Si voltò a guardarla brevemente: nel buio dell’abitacolo, il suo viso era illuminato solo dalle luci del cruscotto.

Incrociò i suoi occhi: quanto era bella….

Quando lo guardava in quel modo, si sentiva l’uomo più felice del mondo; tutto l’amore che provava per lui si rifletteva in quegli occhi e lui ne era completamente rapito.

Se solo avesse potuto, avrebbe mandato a monte tutto! Ogni cosa perdeva di significato: niente era più importante di lei; lei che lo completava, che riempiva la sua vita, che con una semplice parola o una carezza era capace di fargli dimenticare tutto!

Il suo sorriso timido gli fece accellerare i battiti del cuore: le prese la mano, e mentre tornava a guardare la strada difronte a sè, se la portò su una guancia, voleva sentire il suo tepore sul viso, desiderava le sue carezze, tutto il suo amore……

Julia lo osservava in silenzio, scrutava con attenzione la linea del suo profilo: la fronte alta, il naso dritto , quella piccola fossetta sul mento e le labbra piccole che sorridevano un pò imbronciate…

adorava vederlo sorridere in quel modo, era come se, dietro quel broncio, tentasse di nascondere la sua timidezza.

Amava Gustav come non aveva mai amato nessuno; lui era la cosa più bella che le fosse capitata; il suo amore le restituiva  fiducia nella vita; quella vita che più di una volta era stata così crudele con lei, che le aveva sbattuto le porte in faccia.

Niente, adesso, aveva più importanza: i momenti difficili che aveva dovuto affrontare erano stati cancellati e l’amarezza, il sentirsi rifiutati, l’umiliazione e lo sconforto erano solo un lontano ricordo.

Ora c’era lui nella sua vita: lui che sapeva amarla, prendersi cura di lei, che la faceva sentire al sicuro.

Lui era il suo tutto: gli bastava un suo sguardo per farla sentire al centro dell’universo e il passato, con tutto il suo dolore si annullava nei suoi occhi.

Giunsero a casa di Julia; scesero dall’auto ed unirono le loro mani mentre salivano le scale.

Era tutto così magico ed il silenzio che li accompagnava, rendeva l’atmosfera ancora più irreale; era come in un sogno, uno splendido sogno in cui esistevano solo loro due, i loro respiri ansanti, i loro sguardi appassionati, il battere convulso dei loro cuori e quelle mani che si stringevano con forza.

Entrarono in casa e chiusero la porta e quando Julia cercò di accendere la luce, Gustav la fermò.

La sospinse piano contro la parete e la strinse forte a sè mentre le sue labbra le sfiorarono piano il collo, il viso e infine  si impossessarono della sua bocca.

Julia gli lanciò le braccia al collo e lo strinse a sè.

Gustav la sentì tremare mentre le sue mani scivolarano piano lungo i suoi fianchi e li afferrò saldamente ….era terribilmente bello sentirla fremere per le sue carezze, sentire il suo corpo inarcarsi, arrendersi tra le sue braccia e chiedere con forza di appartenergli.

Era così bello sentirla sua, la desiderava…..aveva bisogno di lei.

Al buio raggiunsero la camera da letto.

Si spogliarono lentamente senza mai smettere di guardarsi e il silenzio era interrotto solo dai loro respiri ansimanti.

Gustav si sedette sul bordo del letto, le prese la mano e la fece avvinare. Adagiò il viso sul suo ventre morbido e l’emozione fu talmente grande che il cuore sembrò voler schizzare fuori dal petto.

Istintivamente gli accarezzò il viso, la nuca  stringendolo ancora di più a sè:

il suo respiro tiepido le sfiorava la pelle e un brivido le corse lungo la schiena.

Gustav, si sdraiò e trascinò Julia su di sè: la guardava negli occhi mentre gli sfiorava delicatamente la  schiena liscia; lei gli accarezzò il viso e gli baciò teneramente la guancia, l’angolo della bocca e poi iniziò a torturargli il collo e il petto.

Sentì il suo cuore battere vigoroso e le sue dita affondare sulla sua schiena. Le prese i polsi e lentamente invertì le posizioni scivolando su di lei.

Lo guardava con quegli occhi felini carichi di passione mentre le sue labbra appena dischiuse reclamavano i suoi baci.

Ne delineò il contorno con l’indice e i respiri diventavano sempre più veloci.

Si impossessò della sua bocca e della sua pelle.

Gustav le sollevò le braccia all’altezza della testa e le stringeva forte le mani e  le loro dita si intrecciarono in un nodo indissolubile, legate inestricabilmente come i loro cuori.

Tra gemiti e sospiri, si amarono con trasporto: il sudore  imperlava i loro corpi  che vibranti di passione, si struggevano di carezze e di baci sempre più infuocati.

“Ti amo Gustav….ti amo tanto” gli sussurrò piano all’orecchio.

Gustav la strinse ancora più forte tra le sue braccia:

“….mia piccola Julia….”.

Quando quel fuoco smise di ardere lasciandoli stremati e colmi d’amore e di felicità, si abbandonarono tra le lenzuola.

Julia era rannicchiata sul suo petto e Gustav le accarezzava la schiena e, ogni tanto giocherellava con i suoi ricci.

Lei gli baciava delicatamente il torace mentre sentiva il suo cuore battere tumultuoso.

“Julia”;

“Si?” Sollevò la testa e lo guardò: i suoi occhi risplendevano nel buio come due piccole gemme tanto che ne restò folgorato.

Sentiva che l’amore che provava per lei era così grande, così intenso che  il petto, stretto in una morsa, gli impediva quasi di respirare.

Non riusciva  a trovare le parole per esprimere tutto ciò che sentiva.

La guardava senza riuscire a dire nulla.

Cosa avrebbe fatto se lei non fosse entrata nella sua vita? Se lei non gli avesse donato tutta se stessa.

Era così bella….così sincera….così dolce e la sua tenerezza lo lasciava completamente inerme, indifeso.

– Cosa avrò fatto di buono nella vita per meritarti Julia? Per meritare il tuo amore…..-

questa domanda continuava a girargli nella testa mentre si perdeva nel suo sguardo.

L’attirò tra le sue braccia: la strinse forte, adagiò il viso sulla sua testa e sospirò.

“Credo che impazzirò  se non verrai con me. Non so come riuscirò a starti lontano…..Non voglio nemmeno pensarci”;

“Non devi pensarci…..verrò  ad Oberhausen”;

“Davvero?” la scostò un pochino per poterla guardare negli occhi mentre un grosso sorriso gli si dipinse sulle labbra;

“Davvero; ma…. non posso partire con te”.

Lo sguardo di Gustav si incupì e Julia continuò:

“Mi dispiace tanto……ho solo due giorni….ma ti raggiungerò il prima possibile te lo giuro”.

“…..se non c’è altra soluzione…..mi accontenterò” e le sorrise.

“Insieme ad Oberhausen….  Julia, vedrai, sarà bellissimo”;

“Con te, tutto diventa bellissimo amore mio”;

Le baciò dolcemente le labbra  e restarono abbracciati a lungo.

 

 

La sveglia segnava già le due e tra poche ore sarebbe dovuto partire.

“Devo andare Julia, devo ancora finire di preparare la valigia”;

lei sollevò la testa e lo guardò con occhi supplichevoli:

“Ti prego….non andartene. Stanotte resta con me….non lasciarmi sola; questo letto sarebbe freddo e vuoto senza di te”.

Sentì quello sguardo trafiggerlo.

Annuì senza dire nulla;  affondò il viso tra i suoi capelli e si addormentò sereno.

 

 

Era partito solo da poche ore e già sentiva terribilmente la sua mancanza.

Guardò le foto che le aveva scattato Franzi e sorrise;prese il suo cuscino e lo strinse forte al petto.

Si sentiva il suo profumo…. chiuse gli occhi e lo inspirò avidamente.

Guardò la sveglia e con un grosso sforzo scostò le lenzuola e si mise in piedi.

Aveva un mucchio di cose da fare ma, la più urgente era chiamare Karin.

Poco più tardi si incontrarono nel parcheggio del centro commerciale.

“Allora, hai già pensato a cosa indosserai?”;

“No. Ho passato in rassegna tutto il mio guardaroba ma non ho tovato niente di adatto”;

“a questo penseremo dopo. Devi prendere un appuntamento dal parrucchiere, fare la manicure, scegliere gli accessori……”;
“gli accessori?”;

“Si, borsetta, scarpe, orecchini…..cose del genere insomma”;

“non ci avevo pensato….”;

“Ahhh! Se non ci fossi io” disse scuotendo la testa; “saresti capace di presentarti lì in jeans e maglietta”.

Julia scoppiò a ridere: Karin, era sicuramente più agitata di lei….

“E per il vestito, che facciamo?”;

“Tranquilla, ho pensato a tutto io. Vediamoci durante la pausa davanti al Foliè; ha tanti abitini carini e, cosa più importante tutte, sono tutti in saldo!”;

“Oh Karin, sei un genio!” e l’abbracciò forte;

“Te l’ho già detto che ti voglio bene?” continuò sorridendo;

“Si, almeno un migliaio di volte”; guardò l’orologio: “a lavoro! Ci vediamo dopo”.

Julia seguì tutti i consigli di Karin: parrucchiere e manicure erano stati prenotati e alle 11.30 erano difronte al Foliè.

In vetrina c’erano tanti bei vestiti ma Julia li trovava tutti troppo vistosi; ne provò almeno una decina e nessuno sembrò piacerle.

Alla fine ne vide uno nero molto semplice: era in seta e senza spalline.

Lo indossò: era perfetto!

Il tessuto morbido le avvolgeva il busto in una fascia e scendeva dritto fin sopra al ginocchio.

Si guardò allo specchio e sorrise: era un sogno e le stava benissimo ma il sorrise sparì dalle sue labbra quando vide il cartellino col prezzo.

Era una cifra enorme!

“Julia, sei stupenda e questo vestito è fatto proprio per te!”;
“Già; peccato che non potrò comprarlo…..guarda qua” e  le mostrò il prezzo.

“Cavoli!” esclamò: certo era una cifra enorme….iniziò a riflettere su cosa fare poi si voltò e vide l’amica togliersi l’abito.

“Che stai facendo?”;
“Ne cerco un altro che possa comprare”;

“Ti dai già per sconfitta? Aspettami qui”; le tolse il vestito dalle mani e andò alla cassa.

Julia la vide parlottare con la commessa, lei, intanto cercò qualcosa di più vicino alle sue finanze.

“Allora, siamo a posto!”; la voce di Karin la fece sobbalzare: “metti via quello straccetto e andiamo”;

“Ma che dici? Non ho ancora trovato niente”;
“e invece sì!”;

Julia la guardò come se fosse improvvisamente impazzita;

“Lo vedi quel meraviglioso abito nero che la commessa sta confezionando?”;

“Si….”;
“E’ tuo!”;

“Ma non ce li ho tutti quei soldi!”;

“Ascoltami bene: l’abito è scontatissimo perchè è una taglia molto piccola. Tu metti quello che puoi, la differenza….”
“ecco appunto; la differenza!”;

“La differenza, è il mio regalo di compleanno…..in anticipo”;

A Julia, vennero le lacrime agli occhi; Karin era come una sorella per lei ma non poteva accettare un simile regalo.

“Karin…non posso. E’-è troppo!”;

“Smettila! tu andrai ad Oberhausen con quel vestito addosso e sarai assolutamente meravigliosa!”;

“Oh Karin….”; iniziò a piangere.

Karin l’aveva sempre aiutata nei momenti difficili; come avrebbe fatto senza di lei?

“Grazie” disse tra i singhiozzi mentre l’abbracciava forte;

“Smettila di ringraziarmi …e basta piangere o ti verranno gli occhi rossi”;

Julia  si asciugò gli occhi e con l’abito stretto tra le mani, uscirono dal negozio.

                                                                 …………………………..continua

Annunci

7 commenti su ““LE PAROLE DEL SILENZIO” Capitolo XX

  1. PRIMA PRIMA PRIMA! Oddio Fra che bello che è questo capitolo!
    Julia e Gustav sono troppo teneri! E Karin è un’amica troppo fantastica!
    Come stai tesoro? Tutto bene? Spero proprio di sì… Che cosa mi racconti?
    Scuola? Come va? Che hai fatto di bello per Halloween?
    Un bacione enorme! Ti voglio tanto bene! Macky

  2. FRAAAAAAA!!!
    tutti i martedì sono spettacolari se tutti i tuoi capitoli sono bellissimi come questo *.*
    complimenti davvero!!!
    un bacione
    ti voglio bene
    p.s. come stai?

  3. ciao bellissima!!
    si a scuola procede tutto alla grande…tranne latino xD vabbè ma quello è ormai una cosa NORMALE!! Mi dispiace per il fatto che il tuo morale sia a terra…posso capirti… posso solo incoraggiarti..sono solo crisi passeggere..almeno le mie lo erano. Mi auguro che sia anche per te la stessa cosa. Anch’io ho il morale decisamente sotto i piedi..per motivi vari..ma principalmente mi sento la persona più schifosa di questo mondo..se la mia sorrellona fosse sempre viva mi avrebbe già ucciso..-.-”
    Un saggio alla fiera di milano??? che figata pazzescaaaaa!! *.*
    buona fortuna allora!!! ^^
    divertiti mi raccomando!!
    un bacione
    ti voglio bene
    P.s. ma le foto del concorso tuo ci sono su FB?

  4. beh ti ringrazio per le belle cose che hai detto Fra..^^ sei dolcissima,ma credimi veramente..non è questione del cambio di stagione o delle temperature..veramente..non è per criticarti…anzi ti ringrazio..ma la storia è complicata e rischio su due lati du cui uno è quello che mi preoccupa di più.
    Una nuova storia??? che figata!! Non vedo l’ora di leggerla!
    io invece sto portando avanti la mia FF speciale che non posterò..però sarei felice se tu la leggessi…ormia con Amore e Odio sono arrivata al termine,però ne ho un’altra da farvi leggere.
    Spero vi piaccia…
    un bacione e grazie di nuovo

  5. ehhi(: thanks tesoo del commentoo!!
    si bellaa ma un po troppo corta forse… no???
    o va bene così??
    si certo ahah se sono brava io!!tu che cosa sei?un genio delle ff!xD
    grasssiiee!!ti vogliooo benee!!

  6. ti ringrazio Fra..e spero che anche a te le cose vadano sempre bene
    intanto ti saluto per dirti che il capitolo è arrivato..nuovo nuovo..
    un bacione

  7. Tesoroo davveroo mi dispiace cosi tanto di essere riuscita a leggere solo ora çç
    scusami sul serio per essermi persa cosi tanti capitoli che Tenero Gustav che in macchina ripensa a ciò che la sorella gli ha detto di Julia,di quanto amore vede nei suoi occhi per lui e lui cosi dolce che ha ancora nella mente la foto di lei prorpio quella che la sorella gli ha mostrato ** e lui che si gira a guardarla pensando quanto sia bella e di quanto lui si senta l’uomo più felice del mondo quando lo guarda in quel modo nei occhi, questa parte
    e davvero meravigliosa che lui e felice quando lei lo guarda in quel modo cosi dolce con amore e bellissimosopratutto vederli guardarsi sempre neglio occhi a parlarsi sempre cosi .. in un silenzio che non ha bisogno di parole ** E tenerissimo quando dice che manderebbe tutto a monte per lei e questo e davvero un gesto nobile si sa quanto ami la musica qunto abbia lavorato per arrivare fin qui e sapere che per lei rinuncerebbe tutto è una prova davvero magicaper lui davvero perde di significato qualunque cosa se c’è lei a suo fianco..sono sicura che manderebbe davvero tutto a monte per lei per avere anc ora lei al suo fianco che lo accarezza che gli dimostra ogni giorno di amarlo sempre di più, lei che lo completa e tenerissimoo ** ma quando lei gli sorride e lui che aveva i battiti del cuore accellerati oddioo che scena meravigliosa ** per poi prenderle la mano e portarsela sulla guancia per sentire il suo carole volendo sentire le sue carezze e il suo amore
    oddio te lo giuro tesoro stavo per mettermi a piangere mamma mia e una cosa indescrivibile la dolcezza di queste parole çç e lei che lo guardava tutto di lui anche quella piccola fossetta quando sorride un po imbronciato e che lei adora vederlo sorridere
    pensando che dietro quel broncio lui cercasse di nascondere la sua timidezza che sinceramente e tenerissima, vederlo cosi chiuso ma con lei cosi dolce e innamorato e stupendo. E vedere Julia cosi felice perche lo ama tantissimo sapendo che lui e la cosa più bellache ha dandole fiducia, quella fiduca che posso immaginare che non abbia avuto prima che c’era lui nella sua vita, sentendosi sola ad affrontare situazioni spiacevoli che le hanno fatto anche tanto male, ma che ora con lui sarebbe capace di affrontare tutto perche adesso ha lui che le starà sempre accanto che combattera insieme a lei adesso non deve più avere paura e sentirsi sola no adesso c’è Gustav che non la abbandonerà mai. Adesso tutti quelle sensazioni spiacevoli come l’amarezza il sentirsi rifiutati adesso e tutto un brutto ricordo chiuso nella sua mente adesso può davvero essere felice con lui e di questo sono tanto felice se lo merita davvero anche se non so cosa le sia successo ma capisco che ci si possa sentire in questa maniera e so quanto possa far male e ora sapere che ha finalmente quella felicità che cercava da tempo e che è merito di Gustav non può non farmi felice, so che e stata male lo sento e ora spero che si goda questi momenti indimenticabili con lui sempre con il sorriso sulle labbra ** perche ora c’è lui che la ama e che continuera ad amarla per semrpre lui che la protegge in ogni momento che non le lascia un attimo, lui che e incredibilmente geloso di lei, lui che la pensa in continuazione perche e il suo universo lui che la tiene tra le sue braccia bandole calore, amore, e protezione lui che con i suoi occhi era capace di darle coraggio, lui che e il suo vero amore. Che teneri quando salgono a casa tenendosi per mano ** mamma mia questa parte sembrava di leggere un romanzo oddiooo tutot cosi dolce cosi tenero loro che si guardano le lor mani intrecciate i loro cuori che batto all’impazzata e quando entrano lei non riesce nemmeno ad accendere la luce che lui la ferma la appoggia al muro e la bacia solo come sa fare lui mettendoci tutto l’amore che prova, tringendola a se loro che non riuscivano a satare separati la voglia di amarsi e stare stretti l’uno all’altra e uno vero sogno ** loro che continuano a guardarsi i brividi sui corpi quel stringersi forte con le mani intrecciate che nessuno potra separare e tutto cosi bello e dolce e quel ti amo cosi sentito wow meravigliosoo e dire niente ** Ma quando sono stretti fra le lenzuola e stupendo lui che l’accarezza quei boccoli che ama tanto e lei che con la testa sul suo torace gli bacia il petto poi poi alzare la testa quando la chiama ** de lui che rimane come semrpe incantato da quei occhi anche nel buoio lui appena vede quei occhi cosi dolci che lo guardano con amore con tenerezza, lui anche con il buoio riusciva a vedere quella luce cosi romantica dei suoi occhi, non riuscendo nemmeno a dire nulla sewntendo un peso al petto per il grande amore c he prova per lei e lui che si domanda cosa ha fatto per meritare lei, il suo amore beh era solo destino, iul destino ha voluto che tu trovassi la donna della tua il vero amore cosi dov eva essere e cosi è . Quando la tira tra le sue braccia sospirando al pensiro che lei non andesse con lui e lui che già stava male solo al pensiero di risepararsi da lei e cosi tenero ti stringe proprio il cuore e lei che gli dice che ci andra facendole uscire un sorrisone enorme sul viso dalal felicità anche se lei non partira con lui e sarà per pochi giorni vederlo felice perche lei starà con lui per poi dire che sarà bellisismo insieme ad Oberhausen e lei che sa che sarà bellisismo perche c’è lui il suo amore ** E quando lui si sveglia perche deve andare a preparare le valige e tremendamente dolce e lei che con uno sguardo supplichevole gli chiede di rimanere con lei di non lasciarla da sola e che quel letto sarebbe freddo e vuoto sensa di lui, e lui che non riuscendo a vedere i suoi occhi in quel modo decide di rimanere ancora standole vicino stretta a lei ancora. Ma quando parte e tutto cosi triste immagino come le possa mancare molto anche se era per poche ore ed e cosi tenera quando rivede le loor foto che gli ha scattato Franzi sorride tenendo stretto al petto il suo cuscino sentendo il suo profumo per poi uscire con Karin a trovare il vestito per Oberhausen haha ed e stupendo quando Karin le ricorda tuto quello che le serve facendole intuire che fosse lei più agitata xD
    e quando vanno an provare vari capi e Julia non trova nulla che le piacesse, fin quando non trova uno che e perfetto per lei facendole crescere un sorriso che poi sparisce per il prezzo troppo caro che tenera che poi cerca uno che può permettersi quando poi arriva Karin che trovando una soluzione le dice di posarlo perche ha già il vestito e che quello che le piaceva e il suo e che per la differenza c’è la mette lei comne regalo di compleanno anticipato
    noo te lo giuro mi si e sciolto il cuore ha fatto davvero una cosa cosi bella per lei che dolce
    è davvero una amica vera e pur di vederla felice e bellissima per il suo ragazzo e disposta a fer questo e altro e davvero una persona stupenda ed e cosi bello vedere la loro amicizia cosi vera e sincera ** e Julia cosi tenera che le viene an che da piangere per il meraviglioso gesto dell’amica ** Bellissimeee e lei cosi teneraaa ** stupendo questo capitolo tesoroo sei sempre unica.. mi e piaciuto da morire il gesto di Karin che ha fatto tutto questo per Julia che e come una sorella e che nei momenti difficili c’è sempre per lei ** e poi la dolcezza che c’è semrpe in ogni capitolo che mi lascia sensa parole e con una dolcezza unica dentro **
    bravissimaaaa Tesoro ti voglio bene un bacione**

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...