“LE PAROLE DEL SILENZIO”. Capitolo XXIII

 

 
 
                                                                                                                                                                       by aquarius
  
 
  

Capitolo XXIII

 

Bill si voltò a cercare Tom ma Gustav e Julia catturarono tutta la sua attenzione.

Come erano teneri: lei lo guardava come se al mondo non esistesse nessun altro e Gustav era totalmente perso nei suoi occhi.

Pensò alla sua vita, al suo disperato bisogno d’amore e provò un profondo dolore, una sofferenza che ormai si trascinava da tanto.

Gustav era fortunato; non poteva sapere che avrebbe dato qualunque cosa per trovarsi al suo posto e perdersi negli occhi della persona che amava.

Faceva queste amare considerazioni quando rubò un’immagine che lo colpì e gli causò una fitta di gelosia: Gustav,  stringeva forte Julia  e lei, gli allacciava le braccia al collo e gli deponeva un bacio affettuoso sulla punta del naso.

“Bill?…..Ci sei?”;

“Cosa?”;

“Dicevo che la sala allestita per le foto è l’ultima in fondo al corridoio. Aspettiamo che finiscano le Monrose e poi entrate voi”;

“Ok” rispose distrattamente.

“Toby, mi raccomando resta con lei”;

“Sta tranquillo Gustav, ci penso io”.

Raggiunse gli altri voltandosi a guardarla e salutarla con la mano.

Mentre percorrevano il corridoio, scortati da Saki, Bill gli si avvicinò.

“Sei fortunato; io ti invidio” Gustav spalancò gli occhi.

“Deve essere bellissimo essere innamorati”;

“Già” rispose abbassando lo sguardo;

 “tienitela stretta: l’amore è un dono prezioso e per noi che facciamo questa vita è ancora più raro. E’ difficile trovare qualcuno che ci ama per quello che siamo….come lei ama te”.

Gustav non disse nulla ma sapeva bene che Bill aveva ragione.

Sulla sua pelle aveva provato la solitudine, il senso di vuoto, i momenti belli e quelli brutti da non poter condividere…

ora però era tutto diverso: ora c’era Julia nella sua vita.

Si misero in posa davanti ai fotografi, esibendo i premi ricevuti e sorridendo.

“….Tom sorridi per favore”;

“Gustav, guarda da questa parte; grazie”.

Appena finito uscirono dalla sala; Bill si avvicinò a suo fratello: “Tom, dammi una sigaretta”;

“Prendi” e gli passò il pacchetto.

Tirò fuori l’accendino dalla tasca dei pantaloni, provò ad accenderlo più volte senza risultato.

“Merda!” esclamò ad alta voce e piuttosto nervoso.

“Fammi accendere!”; Tom non se lo fece ripetere due volte.

David lo guardò preoccupato.

Bill era stato appena operato alle corde vocali ed una foto o una ripresa di lui con una sigaretta in mano avrebbe reso furiosi i suoi fans.

Aspirò una boccata di fumo e sembrò rilassarsi:

“Ho sete, andiamo a prenderci qualcosa da bere”.

Tornarono poco dopo con due cocktail tra le mani e nel giro di pochi secondi, Bill vuotò il suo bicchiere.

“Ne voglio un’altro”.

I fotografi non lo perdevano di vista un attimo e continuavano a scattare foto.  

“Bill, cerca di controllarti. Domani quelle immagini faranno il giro del mondo. Che penseranno le tue fan? E la stampa? Lo sai che non ci penseranno due volte a sbattere quelle foto su tutte le prime pagine!”;

“Dannazione David! Smettila di fare il padre premuroso. Tom, andiamo al bar; ho bisogno di bere”.

Gustav e Julia si erano trovati un posticino molto riservato nella gande sala adibita all’aftershow party.

Le luci erano soffuse e la musica assordante.

Gustav se ne stava seduto su un tavolino e Julia appoggiava la schiena al suo petto.

Le cingeva i fianchi con le braccia e le accarezzava teneramente la guancia con la sua.

“Ah Julia….sei bellissima… te l’ho già detto?”;

“Mmm…vediamo….almeno cento volte” e sorrise;

“……e sei mia….soltanto mia”.

Julia sentì una fitta proprio in mezzo al petto e sentì le gambe cedere per l’emozione; si voltò e lo guardò dritto negli occhi.

Il suo sguardo era così intenso, così dolce… e quelle  fossette sulle guance….quel sorriso timido e un pò imbronciato….quelle due piccole pieghe sulla fronte… sentiva il cuore battere forte nel petto, si sentiva travolgere da quell’amore così forte, così assoluto, così intransigente.

Gli sfiorò piano le labbra con un dito mentre il respiro diventava sempre più veloce.

Lui la strinse forte a sè e si accorse che tremava tra le sue braccia; le accarezzò il viso e la vide chiudere gli occhi mentre si faceva riscaldare dal tepore della sua mano.

Si sentiva frastornato, completamente travolto dalla dolcezza di quella creatura esile e delicata che annullava ogni sua volontà: era schiavo del suo cuore, del suo amore disarmante, delle sue labbra morbide, dei suoi occhi felini, di quel senso di accoglienza e di calore che il suo corpo gli trasmetteva e del suo animo puro e trasparente che lo rapiva trascinandolo in dimensioni lontane, inesplorate dove non contava più nulla; soltanto loro due.

Julia si abbandonò tra le sue braccia, rannicchiandosi nell’incavo del collo e solleticandogli con le labbra quel punto sensibile.

Gustav la avvolse completamente con le sue braccia e le adagiò le labbra sulle spalle nude provocandole un brivido che la scosse.

Bill osservò tutta la scena seduto su uno sgabello del bar e sentì il  freddo respiro della solitudine gelargli l’anima.

Bevve tutto d’un fiato l’alcol che aveva nel bicchiere, nel vano tentativo di scaldarsi il cuore….

“Dammene un altro!” ordinò al barista.

“Bill, è già il terzo che ti scoli, vacci piano ok?” Tom lo ammonì preoccupato.

“Non ho bisogno dei tuoi consigli fratellino. Pensa ai fatti tuoi! Se ti dà fastidio vedermi bere….puoi sempre andartene da un’altra parte”.

Tom non rispose. Sapeva bene che quando si comportava in quel modo era meglio lasciarlo perdere.

Sicuramente qualcosa lo aveva turbato per ridurlo così.

“Stasera ho solo voglia di bere e di divertirmi e nessuno riuscirà a rovinarmi la festa!”; si voltò di nuovo verso Gustav e Julia e quando li vide allontanarsi, tenedosi per mano, mandò giù l’ennesima sorsata di quel liquido amaro che gli bruciava la gola e il petto e scendeva a soffocare quel dolore che ormai da troppo tempo, provava.

“Gustav, le chiavi della tua auto. Nel baule ho sistemato i vostri bagagli”;

“Grazie Toby”.

Si avvicinò allo sportello, lo aprì e la fece accomodare.

Mise in moto la sua Bmw e si allontanò velocemente: “finalmente soli!” esclamò sorridendo.

“Non vedevo l’ora….solo tu ed io……lontano da tutto e da tutti!”; lei gli sorrise e lo accarezzò con lo sguardo.

Arrivati all’hotel, Julia restò sbalordita; nella sua vita non aveva mai visto nulla di simile.

Quanto lusso: fiori, tappeti, mobili d’epoca, specchi tirati a lucido, preziosi lampadari di cristallo e le scalinate erano tutte di marmo bianchissimo  ricoperte da tappeti rossi.

Si guardava intorno e pensava di essere capitata per sbaglio in una favola….

“Julia, andiamo?”;

“Cosa?”; Gustav sorrise vedendo la sua espressione di sorpresa e di meraviglia.

“L’ascensore”;

“Oh sì…..scusa; è-è che..è tutto così bello qui!”;

“E non hai ancora visto tutto”; le prese la mano e la guidò nell’ascensore.

Arrivati al sesto piano, uscirono e percorsero un elegante corridoio alla ricerca della loro suite; appena la trovarono, Gustav strisciò la chiave lungo la serratura.

La porta si aprì e la fece entrare.

Julia restò senza fiato.

Era stupenda!

Le luci soffuse, la musica in sottofondo, il camino acceso, un tavolo apparecchiato per due e candele accese un pò ovunque.

Su un tavolino, un cestello colmo di ghiaccio, teneva in fresco una bottiglia di champagne e sulle lenzuola immacolate del letto, faceva bella mostra di sè una splendida rosa rossa dai petali vellutati.

Gustav aveva chiuso la porta e si era appoggiato con le spalle contro di essa. Aveva incrociato le baccia al petto e si godeva lo stupore di Julia, i suoi occhi luminosi che brillavano e quel sorriso strabiliato.

“Io…io non mai visto niente di più bello nella mia vita!”.

Gustav le si avvicinò e le prese le mani: “sono felice che la mia sorpresa ti sia piaciuta ma….ce ne saranno altre in questi due splendidi giorni. Intanto, se vuole accomodarsi” le spostò la sedia per farla sedere a tavola.

“Grazie”;

“Dovere signorina”; si tolse il berretto poi prese un tovagliolo e se lo sistemò su un braccio.

“Spero tanto che la cena sia di suo gradimento”;

“Cosa ha peparato lo chef?” chiese continuando quel gioco;

“Cocktail di gamberi, ravioli profumati alla salvia, scaloppine al limone con patate al forno e per finire…. frutti di bosco e panna montata”.

“Cucina italiana….sembra tutto così delizioso”;

“Bene, allora mangiamo”; si sedette di fronte a lei e la guardò: la luce delle candele le illuminava il viso e faceva risplendere i suoi occhi.

Le prese la mano e la strinse nella sua mentre gustavano quelle delizie e chiacchieravano di quei giorni passati lontani l’uno dall’altra.

Arrivati al dessert, si alzarono da tavola e sisedettero sul tappeto davanti al caminetto acceso.

Gustav le rubò una fragolina dalla sua coppetta e lei fingendosi scandalizzata disse:
“Signor Schaefer, dovrò rivolgermi alla sicurezza di questo albergo e denunciarla per il furto di una fragola”;

“Allora, dovrai denunciarmi anche per averti rubarto un’altra cosa”;

le fiamme del camino riflettevano le loro ombre sulle pareti e i loro sguardi così intensi sembravano bruciare allo stesso modo.

“Cosa?”bisbigliò appena;

“Questo” le prese il volto tra le mani e la baciò.

Le sue labbra morbide sapevano di panna e pian piano quel bacio diventò sempre più appassionato.

Si staccò da lei solo un attimo: fissava la sua bocca, accarezzava i suoi fianchi e sentiva il cuore martellare forte nel petto. Si alzò in piedi e le porse la mano aiutandola a sollevarsi.

Le baciò piano il collo e le spalle mentre le mani abbassavano lentamente la lampo del vestito che poco dopo scivolò sul pavimento, rivelando la perfezione del suo corpo.

Julia gli sfilò la maglietta: le sue mani accarezzavano la schiena larga e muscolosa mentre iniziò a baciargli il petto.

Il suo respiro tiepido gli lambiva la pelle e le sue labbra umide e tiepide gli torturavano piacevolmente le carni.

Lo sentiva fremere sotto il suo tocco delicato e sensuale e lo sentì trattenere il respiro quando si staccò da lui.

 Si stese piano su quel soffice tappeto davanti al camino e senza mai staccare gli occhi da quelli di Gustav, attese di sentire il suo corpo su di sè, di sentire le sue mani stringere con forza i suoi fianchi, le sue labbra scivolare piano sul suo ventre. Inarcò la schiena offrendosi a lui e finalmente, i loro corpi provati e vinti dal desiderio, bruciarono insieme, alimentando quel fuoco con baci e carezze e sospiri e gemiti e stuggenti parole d’amore.

Tremavano per l’intensità di quelle emozioni: morire lentamente e poi rinascere, non più singolarmente ma legati l’uno all’altra…..una sola anima.

                                                                                                   continua

Annunci

6 commenti su ““LE PAROLE DEL SILENZIO”. Capitolo XXIII

  1. Not A Single World A Single World About This…la canzone appropiata per il capitolo della FF della Fra appropiato…neanche una parola riguarda al fatto che questa storia è sempre più bella *.*…complimenti veramente Fra!! ^^
    grazie mille per i complimenti alla nuova storia…spero che possa continuare a piacerti..
    io sto…come sto? non lo so nemmeno io se devo essere sincera…boh ^^
    bene..riprenditi rilassati..proprio..RELAX TOTALEEEE!!!! Della serie…bagno caldo con bollicine e musica sottofondo…
    beh buona fortuna per danza..e il nuovo capitolo arriva entro stasera..un bacione e grazie
    ti voglio bene

  2. “Bill osservò tutta la scena seduto su uno sgabello del bar e sentì il freddo respiro della solitudine gelargli l’anima.”
    Quest’intrusione dell’analisi di Bill mi ha veramente colpita. Mi ha fatto quasi pena, il povero frontman, devo essere sincera…
    Cambio salsa, perchè ripetere che Gustav e Julia sono dolcissimi insieme, mi sembrava scontato, lo dico sempre!
    Ogni capitolo è sempre più bella!
    Caspita, tesoro, mi piace tantissimo! 😀

    Eh, ti capisco. Venerdì ho l’interrogazione di letteratura latina, e ci sto lavorando da una settimana che ci sto litigando. ç.ç
    Sono stanchissima, e sto anche correndo come una matta per alzare i voti, perchè storia e filosofia sono sufficienti proprio a filo, mentre latino e greco non lo sono per niente. ç.ç
    In più sabato ho il compito di matematica, e ho una paura terribile, perchè non ci sto capendo niente! :S
    Caspita, ora che è arrivata l’iscrizione al concorso, immagino che sarà ancora più complicato! Beh, spero che tu riesca a portare avanti tutto! Sono proprio contenta che la tua media scolastica sia così bella, 🙂

    Grazie mille per i complimenti al capitolo, non vedo l’ora di vedere su WordPress anche l’altro blog! Ieri ci sono passata, dopo un sacco di tempo che non accedevo ad msn, e vedo che comunque lo tieni sempre ben aggiornato! 🙂

    Beh, ora vado, va’… A presto!

    Ah, dimenticavo: BUON COMPLEANNO! ❤

    Macky

  3. ehii(.
    hai ragione è tanto che non ci sentiamooo ):
    figuratiii(: ho coommentato con piacere!
    cmq bene bene te?
    certoooo ho già la canzone e tutte le foto..
    l’unica cosa che non sapevoo era del tatuaggio di gus..lo ho appena visto e non diko che faccia schifo ma non è nemmeno sto gran ke!xD poi dipende tutto dal significato ad esso attribuito!(:
    beh sto guardando un po il tuo spaces..ovviamente Bill nelle foto del concerto in Brasile e quelle dell’intervista per il B E S T O F era stupendooo!
    si beh tuttti e quattroo xD
    cmq che raccontarttii??emhh..
    beh ho tirato su i due cinque che ho preso in storia all’inizio dell’anno perchè non sono riuscita a studiare perchè non stavo tanto bene..
    poi che sto iniziando ad odiare l’arte perchè la nostra dolce prof ci fa copiare i dipinti dei pittori famosi che a dir poko sono mega difficilii..che nerviii..
    poi boh che continuano a piacermi ogni secondi sempre più i tokio con tuttte le loro news fantastichheee!
    xD
    mi stupiscono sempre piùù!tu invece come stai?che mi racconti???
    cmq grazie a te del commento!
    vadoo un baciiioo ciaooooooooooooo ti voglio stra beneeeee!!
    dimenticavooo …
    scusa del giorno di ritardoo
    B U O N C O M P L E A N N N O O O !<3 ti voglliooo beneee
    tua saruuzzz

  4. Fraaaaaa!! Grazie mille per il commento al secondo capitolo!!
    ti ringrazie per tutte le bellissime parole che hai detto..naturalmente sono tutte ricambiate!!
    ah una cosa: BUON COMPLEANNOOOOOOO!! scusa il ritardo!!!!!
    non ringraziarmi per il commento..ricorda che le tue fan fiction sono un piacere da seguire..^^
    un bacione
    ti voglio bene =]
    Eugi

  5. Oddiooo che meravigliaaaaa questa e stato davveroo molto intenso sopratutto la parte di Bill mamma credimi mi e davvero dispiaciuto molto vederlo cosi , facendomi anche male per come reagisce e per un secondo ho pensato chissa se anche nella vita reale si sarà sentito cosi o si sente cosi, e mi sono davvero dispiaciuta molto povero Bill immagino come lo sogni di trovare la persona giusta che lo ami per la persona semplice che è, e vedere Gustva e Julia insieme felici che si guardano con amore, che lei lo guarda con occhi sinceri e innamrati, quanto gli possa fare male al pensiero che lui lo cerca da tempo.. spero tanto che trovi presto la persona giusta che gli voglia bene per quello che è una persona normalissima ma che fa un lavoro diverso, e non solo nella ff ma lo spero sopratutto nella vita si merita di essere felice e di innamorarsi come tutti. ohh scusami ma mi ha davvero ratristito çç Quando si volta a cercare Tom e il suo sguardo si posa su Julia e Gustva che si guardano con amore lei che ormai pensa solo a lui, come se fosse l’unica persona al mondo e lui che non riesce a staccarle gli occhi dai suoi ** bellisismo davvero, ma anche triste per Bill, lo capisco quanto gli faccia male e la sofferenza che ormai ha da tempo, vederlo cosi ti fa prorpio tenerezza lui che cambierebbe tutto pur di trovarsi al posto di Gustav e pensare che lui e fortunato perche ha trovato l’ anima gemella. E sicuramente mentre pensava a questo vedere Julia e Gustav che si stringevano in un abbraccio pieno d’amore vedere lei baciarli il naso, deve avergli fatto ancora più male. Che carino Gustav come semrpe si e riaccomandato ancora con Toby di non lasciarla sola per poi seguire gli altri ma non prima di essersi girato e salutarla con la mano ** ma quando Bil gli si avvicina mi ha davvero stretto forte il cuore quando gli dice sei molto fortunato e che lo invidia e Gustav non aspettandoselo per poi dire che deve essere bellisismo essere innamorati çç cavolo qua mi sono venute le lacrime.. mi sono immaginata questa scena come se fosse vera e mi ha emozionata tantissimo, ho sentito la sua sofferenza mentre glie lo dice desideranno che capiti anche a lui e io lo spero tanto è una tra le persone che davvero se lo merita, una tra le persone più belle e dolcissime, merità di essere felice.. spero davvero che la trovi presto, Gustava e cosi carino sembra che gli dispiaccia molto per Bill e lo posso capire chiunque si dispiacerebbe vedendo un suo amico con cui con cui condivide la stessa passione gli dispiaccia vederlo cosi triste, e Bill e cosi tenero a dirgli di tenersela stretta, che l’amore e un dono prezioso e per loro e difficile trovarlo sopratutto perche non sai se sincero per poi dire che lei lo ama tantissimo ** Bill è stato davvero molto dolce e delicato e anche se sono ripetitiva spero che possa trovarla anche lui l’anima gemella. E Gustav che non dice nulla ma sa che ha ragione e ripensa alla sofferensa che ha provato prima al senso di solitudine
    che ora e solo un amaro ricordo perche ora c’è lei che fa parte della sua vita e che tutto per lui, ora sta al centro della sua vita. Capisco Bil anche se non dovreb be affondare le sue sofrense sul fumo o sull’alcool, capisco come si senta ma questo non risolvera nulla, in più e la prima volta che si fa vedere dopo l’operazione e vederlo fumare non e bello non ascoltando David e andando insieme a Tom e prendersi un’altro drink anche se fa male pero posso capirlo ma sarebbe stato meglio se non lo faceva non e questo il modo migliore per dimenticare, questo bisogno d’amore ci sarà sempre dentro di lui, finche non lo troverà e bere non serve a nulla fa solo peggio. Gustav e Julia sono tenerissimi insieme loro due
    con tutta queklla gente in torno, le luci, la musica assordante, loro due cosi innamorati in un angolino da soli, lui seduto sul tavolino e lei che gli sta vicino con la schiena appoggiata al suo petto stringendola a se con le braccia e con le guance gli accarezzava la sua ** scena dolcissima che ti fa sciogliere poi con la canzone di sotto fondo la rende magica ** Lui e tenerissimo quando le dice sei bellisisma e chiedendorgli se glie lo ha detto e lei con un sorriso gli risponde almeno cdento volte che per Gustav non sono niente ** pero poi sentirsi dire sei solo mia ** mamma che emozione lei che con il cuore che batte all’impazzata si gira e lo guarda in quei occhi che sono lo specchio dell’anima con cui solo lui la guarda in quel modo, cosi dolce, con amore e lei che si sente travolgere da questo amore cosi forte e bellissimoo ** guardando ogni parte del suo viso amandolo semrpe di più per poi sfiolarlo e sentirsi stringere forte da lui accarezzandola e lei che si lascia cullare dalle sua braccia sentendosi sempre più a sicuro e innamorata di lui. E Gustav oddio
    lui che si sente rapito da lei, dipendente dai suoi occhi, dalle sue labbra dalla dolcezza che gli stasmette ma sopratutto del suo amore ** pero poi abbracciarsi sempre più forte con le labbra che gli accarezzavano la pelle, e Bill poverino che sentendosi sempre più triste vedendo questa scena che scioglierebbe chiounque dalla dolcezza che emanano lui poverino si sente anche peggio bevendo altri bicchieri per trovare un calore dentro di lui ma che non arriverà mai con l’alcool deve sono aspettare perche prima o poi anche per lui arriverà la persona giusta çç e Tom che gli consiglia di andarci piano ma sapendo quanto sia cocciuto il fratello lo lascia stare , ma vedendolo cosi deve far male che lui che si voltà di nuovoverso di loro vedendoli andare via mano nella mano, mamma mi ha davvero ratristate, mi dispiace tanto per Bill davvero. Gustva e JUlia sono tenerissimi quando se ne vanno mano nella mano verso l’auto che Gustva guida per andare in albergo, aprendole anche lo sportello dell’auto che teneroo per poi esclamare sorridendo di essere finalemnte
    soli e lei che gli sorride accarenzandolo con lo sguardo felice di essere solo loro due ** e quando entrano che tenera quando si affascina a vedere tutto quel lusso che non aveva mai visto e Gustav che la chima sorridendo e lei che gli spiega che e bellisismo per poi sentirsi dire da lei che non ha visto ancora niente prendendola per la mano e portandola nella loro suite e lei che rimane sens aprole per la meravigliosa camera che si presenta davanti ai suoi occhi con le luci soffuse, la musica, la tavola appafrecchiata con le candele in giro , lo champagne e la rosa sul letto ** wow tutto cosi romantico e dolcissimo proprio come loro due, come Gustav , che le si avvicina e prendendole le mani le dice che e contento che gli piaciuta la sorpresa e che c’è ne saranno altre in questi giorni e lei che ha ancora la faccia sorpresa e felice con gli occhi che brillano ** per poi accomodarsi dopo che Gustav le ha spostato la sedia facendo finta di essere il cameriere ** e lei che sta al gioco che teneriii per poi sedersi al tavolo e mangiare la stupenda cena italiana per poi continuarla sempre a guardarla e vedendo le candele che illuminava il viso e i suoi occhi tenendosi per mano ** e al dessert andare sul tappeto davanti al camineto vicini e Gustav che le ruba una fragola e lei facendo finta di essere offesa gli dice che lo dovrà denunciare per il furto della fragola e lui in cambio le diece che lo dovrà fare anche per un’altra cosa guardandosi neglio occhi con il fuoco del camino che li riscalda per poi dire baciarla **
    mamma mia i brividi si sono raddoppiati quando ho letto questa parte lui che la baciava dolcemente per poi diventare sempre più passionale , per poi amandosi sempre con tanta dolcezza e amore lro due insieme che non si staccheranno mai che vivranno sempre uniti, sempre con tanto amore e estrema dolcezza diventando sempre una unica anima capace di dare solo amore ** stupendoo Tesoro ormai non so più che dire e stupendo….. unico davvero bravisimaa mi hai emozionata come semrpe mi hai dato emozini stupende
    mi hai datto tanta dolcezza… quella dolcezza che si prova solo Grazie all’amore ** Bravissimaaa ** Grazie milleee.. sempree, un bacione enormeee. Ti voglio un mondo di beneee **

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...