“LE PAROLE DEL SILENZIO”. Capitolo XXIV

 
 
 
                                                                                                                                                             by aquarius
  
  

Capitolo XXIV

Julia dormiva ancora profondamente.

Era prona, i capelli sparsi sulla schiena nuda, il viso disteso, le labbra appena socchiuse e il respiro calmo e regolare;

Gustav invece era già sveglio da un pò.

Guardava fuori dalla finestra: la giornata era splendida. Il cielo era azzurro e sgombro da nuvole solo un leggero alito di vento muoveva appena le foglie degli alberi.

Si voltò verso il letto: il ricordo della notte appena trascorsa gli attanagliò lo stomaco…..

Vedeva il suo corpo muoversi piano, seguendo il ritmo calmo dei respiri e il suo bel viso sereno appena nascosto da una ciocca di capelli, adagiato sul cuscino.

Le si avvicinò senza fare rumore e si sedette accanto a lei.

Era così bella…. le scostò i capelli dal viso per poterla guardare meglio  e poi, con un movimento delicato, le sfiorò piano il collo e la schiena, indugiando un attimo su quel grazioso neo proprio sotto la scapola, e scendendo giù fino al bacino.

Con le labbra disegnò lo stesso percorso e infine affondò il viso sulla  schiena.

Julia si era svegliata sentendo il calore delle sue labbra e il suo tiepido respiro ma non si mosse, soltanto un brivido la scosse.

Era straordinariamente bello sentire la dolcezza del suo amore, l’arrendevolezza con cui, il suo corpo cedeva alle sue carezze, ai suoi teneri baci….quanto struggente calore le avviluppava il cuore e quanta paura allo stesso tempo.

Paura dei suoi sentimenti, paura che non fosse reale, che fosse solo un sogno e che prima o poi tutto sarebbe finito, paura di restare di nuovo sola.

I respiri accellerarono  il loro ritmo.

“…sei sveglia?”;

“si” sussurrò;

“era quello che volevo….”;

“perchè?”;

” perchè ho bisogno di te….ho bisogno del tuo amore”.

Una fitta le trafisse il petto, togliendole il respiro.

“Ti voglio Julia….io…io non posso fare a meno di te” la voce era roca e carica di desiderio.

Julia si voltò piano e incrociò il suo sguardo intenso e penetrante.

Si sentiva morire quando la guardava in quel modo; fissò le sue labbra assetate di baci e sentì lo stomaco attorcigliarsi.

“….Non voglio fare a meno di te”; si avvicinò alla sua bocca e la baciò.

Julia uscì dal bagno avvolta in un accappatoio di morbida spugna bianca e i capelli umidi.

“Ti va di fare colazione?”; Gustav stava versando il caffè nelle tazze.

“Certo….ho una fame da lupi!”.

“Allora siediti qui, vicina a me”; Julia non se lo fece ripetere due volte.

Prese la sedia e si sedette accanto a lui che le cinse le spalle con un braccio.

“Adoro il tuo profumo….” e le sorrise;

lei sorrise timidamente e abbandonò la testa sulla sua spalla.

“….Io adoro te” e gli baciò la guancia; “mmm…adoro stare tra le tue braccia, mi piace come mi fai sentire”.

“E…..e come ….ti faccio sentire?”;

Julia lo guardò adorante:”…felice”; Gustav abbassò lo sguardo e sorrise; poi le diede un bacino e le passò la tazza col caffè.

“E’ una bella giornata, ti va di uscire? Facciamo un giro per la città e poi troviamo un posticino tranquillo dove mangiare”;

“che bello! Ma certo che mi va; adesso finisco di mangiare e poi vado a vestirmi”.

“Sono pronta!”;

Gustav si voltò a guardarla e le sorrise: “Allora, andiamo”.

Julia prese la giacca e la borsa mentre lui si infilò una mano in tasca e strinse una scatolina.

Camminarono per la città come due ragazzi qualunque, due ragazzi innamorati e felici. Si fermarono a mangiare in una piccola pizzeria sconosciuta e subito dopo continuarono a vagabondare mano nella mano.

Passarono difronte ad una bancarella del mercatino e comprarono delle ciliege poi si diressero verso il parco.

Trovarono un angolino tranquillo, sotto un enorme tiglio profumato e lì si fermarono.

Gustav appoggiò la schiena al tronco e Julia si sedette tra le sue gambe con la schiena appoggiata al suo petto.

Ridevano e scherzavano e un pò alla volta finirono tutte le ciliege.

“Chiudi gli occhi” le sussurrò piano all’orecchio;

“e perchè?”;

“Chiudi gli occhi e lo saprai”;

“….come sei misterioso! Ok” chiuse gli occhi e sorrise.

Lo sentì sollevarsi leggermente ed estrarre qualcosa dalla tasca.

“Ora puoi riaprirli”;

Julia riaprì gli occhi e vide una scatolina di velluto rosso. Si voltò a guardarlo senza sapere esattamente cosa fare.

“Su, aprila!” lei annuì ; prese la scatolina dalle sue mani e la aprì.

Appena vide il contenuto, le lacrime le pizzicarono gli occhi.

Deglutì a vuoto: un nodo le stringeva la gola e sempre più faticosamente tratteneva le lacrime.

“Oh Gustav…..è….meravigliosa”;

“Tu sei meravigliosa” a quel punto le lacrime vinsero ogni resistenza e cominciarono a cadere copiose.

Con dita tremanti sfiorò la catenina d’oro bianco e il ciondolo di diamanti a forma di cuore.

“Io…..io non so ….non so che dire Gustav”;

“Ti dirò io una cosa: Io ti amo Julia; hai rubato il mio cuore, i miei pensieri…..la parte migliore di me è tua, ti appartiene” e mentre le diceva quelle parole, le allacciava la collana intorno al collo.

Quando sentì il ciondolo freddo sulla pelle, lo strinse tra le mani.

Si voltò a guardarlo, si sforzò di dire qualcosa ma le parole le morirono in gola: era felice e spaventata allo stesso tempo.

I suoi occhi così malinconici nascondevano un dolore inspiegabile, remoto che offuscava quella felicità.

Si abbandonò sul suo petto e si lasciò andare ad un pianto disperato.

Gustav la strinse forte a sè e le accarezzò piano i capelli mentre il suo corpo tremava, scosso dai singulti.

Non riusciva a capire il perchè di quella sofferenza; avrebbe fatto qualunque cosa per non vederla in quello stato.

“Hei…tesoro….che succede? Va tutto bene?”; Julia tirò su col naso e si asciugò il viso col dorso della mano.

“Ho…ho paura” disse con la voce rotta dal pianto.

“E di cosa?” gli chiese affettuoso;

“Che…che sia tutto un sogno….si, ho paura che tu sia solo un sogno. Ho paura di….di perderti, di perdere il tuo amore, di perdere questa felicità irreale…” e continuò a piangere contro la sua spalla.

Gustav le prese le braccia e la scostò dolcemente da sè, quel tanto che bastava per poterla guardare negli occhi:

“Guardami Julia. Io ti amo, mi sono innamorato di te appena ti ho vista, quella sera, su quella terrazza e da quel giorno mi sei entrata nel cuore”;

“Ti prego, ti prego Gustav….non….non lasciarmi mai”;

Una fitta gli attanagliò lo stomaco mentre fissava i suoi occhi pieni di lacrime:

“Non ti lascerò mai, Julia “  

                                                                                                               continua

Annunci

4 commenti su ““LE PAROLE DEL SILENZIO”. Capitolo XXIV

  1. Tesoroooooo **
    oddioo scusami davvero per il grosso ritardo lo so me ne sono persi sei di capitoli
    purtroppo e stato un mese davvero complicato e i primi giorni davvero non avevo proprio la testa e stato un sussuguirsi di cose e non sono riuscita a leggere scusamiii tantissimoo davvero non sono riuscita nemmeno a risponderti scusami davvero ora sto un pochino meglio certo non posso pretendere che si levi subito ma almneo un poccolo miglioramento c’è anche se non lo si nota per quanto stia ridotta male la mano çç uff non poteva uscirmi
    da un’altra parte proprio le mani che sono l’unica cosa che mi serve çç e vabè , vedi ero andata da un dermatologo che mi aveva detto che era un allergia da contatto ma poi facendo le analisi non è uscito nulla, sono andata da iun altro dopo un infinita di tempo qui per fare una visita ho dovuto aspettare un mese e una settimana per farmi le analisi e adnare da un altro specialista -.- comunque il secondo mi ha detto che era dovuto allo stess e che si sarebbe tolto da solo e mi ha dato delle creme, poi ho chiamato il mio medico e mi ha detto che lo stess ha peggiorato la mano ma che e dovuta perche e generica, infatti poi ho scoperto che una parente della famiglia di mio padre
    aveva le stesse macchie che ho io mah io sinceramente non ho capito nemmeno che cose è questa cosa spero solo si levi. Tu come stai tesoro ?
    tutto bene con la danza ? scusami ancora per il ritardo ora per fortuna sono riuscita a recuperare tutto **
    Ohh Tesorooo addirittura emozionale ? cosi mi fai emozionare di più me ** ed e bello sapere che abbiamo una sensibilità che ci accomuna, hai davvero una sensibilità meravigliosa, scrivi davvero con il cuore e riesci a farmi vivere le emozioni che vuoi trasemttere ed e bellissimo ti voglio bene anchio e credimi questi capitoli sono stati stupendi mi hai regalato emozioni indescrivibili e sai quanto adoroo i tupoi capitoli
    infatti li ho letti e commentati.. sono davvero unici e non commentandoli sarebbe un insulto alla tua bravura adoro tantissimo come scrivi mi fai davvero sentire diversa in un mondo nuovo non potro mai smettere di dirti grazie per farmi sentire cosi bene **
    scusami davvero per il grossissimo ritardo, sono imperdonabile lo so, mi dispiace tantissimoo ora sono riuscita a leggere tutto e a commentare tutto scusami ancora çç questo capitolo lo sai e semrpe bellissimoo.. sempre pienodi emozioni uniche, sempre pieno d’amore e lo adoroo tantissimo **
    mi sono davvero em ozionata.. e sentita come Julia lei che riceve tutto questo amore da parte di Gustav la meravigliosa sorpresa che le fa tangto piacere ma che le fa venire in mente la paura di perderlo di svegliarsi da questo sogno e scoprire che non era vero che lui non c’era realmente e posso capirla quanto sia brutto…. questa parte mi ha colpita molto… ma e stato cosi bello quando Gustav l’ha tenuta tra le sue braccia dicendole che non
    succederà che lui non la lascerà mai.. era tutto cosi dolce e romantico ** Quando lei dorme ancora dopo la stupenda serata della sera precedente e Gustav che si era svegliato già da un po e la vede li che dorme in tutto il suo splendore, con i boccoli che le cadono sulla schiena e ricorda alla notte di prima con lo stomaco che si contorce dall’emozione per poi andare a sedersi piano vicino a lei sconstandole quella ciocca che le copriva il viso per poi sfiorarla delicatamente il suo collo,la sua schiena per poi baciare quel percorso che prima ha fatto con la mano ** e lei che si era svegliata mentre sentiva quel tocco cosi dolce su di lei non di era mossa per continiuare a sentirlo sulla sua pelle con i brividi sentendo il suo amore
    in quei gesti cosi semplici e unici sentendo il suo calore e avendo anche paura che tutto questo potreste finire, che potrebbe rimanere da sola.. ma questo non accadrà mai ne lei e ne lui potranno mai rinunciare all’altro ** troppo diolce quando Gustav le chiede se e sveglia e lei dicendo di si si sente dire che e quello che voleva, perche aveva bisogno di lei e del suo amore ** noo c’è io potrei davvero sciogliermi in questi momenti ** e lei che sente una fitta al cuore ** e ci credo lo provato io a leggerlo e lo proverebbe chiunque a sentirsi dire queste parole dalla persona che ama più di se stessa **
    e Gustav che con voce piena di desiderio le dice che la vuole, che non vuole fare a meno di lei guardandosi dentro gli occhi per poi bacirsi ** stupendo quando lei esce dal bagno in accapatoio e Gustav che le chiede di fare colazione e di sedersi vicino a lui e lei cosi dolce che gli va vicino e lui le mette il braccio il torno alle spalle e lui le dice cosi dolce che adora il suo profumo sorridendola e lei sorridendo appoggia la testa sulla sua spalla dicendorgli che lei adora lui, baciandorgli la guancia per poi dire che adora le sue braccia e come la fa sentire ** e Gustav cosi dolce balbettando gli domanda come lui la faccia sentire e lei risponde felice e lui cosi tenero che sorride e abbassa la testa per poi baciarla, per poi chiederle se le va di fare una passeggiata visto che c’è una bella giornata e lei contentissima** Ma è stupendo quando lei arriva pronta e lui infila la mano nella tasca
    toccando quella scatolina che fara felice e commuovere la dolcissima Julia. E stupendo quando camminano per la città come due innamorati normalissimi felici mano nella mano, per poi passare davanti a delle bancarelle e comprano delle ciliege e andare in un parco, sotto un albero e mangiare le ciliegie con Gustav seduto con la schiena al tronco dell’albero e lei che si siene tra le sue gambe appoggiando al suo petto ridendo e scherzando **
    Ma quando lui le chiede di chiudere gli occhi e stupendo ** oddioo stavo già iniziando a essere agitata ** lei cosi dolce che sorride e chiude gli occhi e lui che si alza un po per prendere quella scatolina e dicendorgli di aprire gli occhi lei che non sapeva cosa dire la rpende e la apre rimandneo sensa prole **con le lacrime ai occhi ** e dicendorgli con la voce rotta dall’emozione che e meravigliosa e lui che le dice che e lei meravigliosa e lei cosi carina che inizia a piangere e con le mani tremanti sfiora la catenina d’oro con il cuore di diamanti wow che pensiero stupendo ** e lei che non sa che dire e lui a quel punto le dice che la ama e che lei gli ha rubato il cuore e la parte migliore di lui e che quella collana gli appartiene e mentre gli dice questo la prende e gliela mette al collo ** e lei che lo stringe con le mani e non riusciva a dire nulla , sentendosi felice ma anche spaventata e sentendosi malinconica e il dolore che si porta dentro da un po e lui che la stringe forte al suo petto, accarezzandole i capelli e lei scossa dai singhiozzi, e lui non sapendo il perche fosse cosi sofferente e avrebbe fatt di tutto per non vederla cosi çç e le domanda che cosa e successo sempre nel suo modo dolce e lei gli dice che ha paura e che ha paura che finisca tutto che fosse un sogno, che ha paura di perdere il suo amore di perdere lui , continuando a piangere sulla sua spalla.. mamma mia mi ha fatto tantisisma tenerezza , piccola la capisco ha paura che quella sofferenza che ha vissuto prima ritorna e che quella felicità serenita che ha avuto quando ha conosciuto Gustav finisca ma non succederà mai non solo perche Gustav glie lo ha detto in modo cosi dolce e tenero ma non succederà ne ora ne mai. Lui è stato cosi dolce cosi romantico quando con estrema dolcezza le ha detto “Guardami Julia. Io ti amo, mi sono innamorato di te appena ti ho vista, quella sera, su quella terrazza e da quel giorno mi sei entrata nel cuore” oddioo te lo giuro i brividi che mi sono venuti mi ha fatto sciogliere oddio che amore ** scontandola un po e guardandola negli occhi e lei che gli dice di non lasciarla mai e lui cosi dolce che si sentiva svuotato quando l’ha vista cosi con gli occhi pieni di lacrime e le dice che non la lascera mai….
    oddioo stupendoo bravissima tesorooo e stato unico.. mi ha sciolto non solo la dolcezza di questo capitolo ma lei che era cosi piccola e indifesa con questa paura di perderlo, di sentirsi di nuovo sola, di stare ancora male quando adesso non lo è adesso e felice e ha lui accanto…. mi ha fatta molta tenerezza , la capisco e spero con tutto il cuore che non le capiti più che non soffra più come ha dovuto in passato ora Gustav le sta vicino e con lui può finalmente sentirsi felice con un grande amore al suo fianco **
    Complimentissimiii tesorooo e scusami ancora tantissimo per questa assenza, mi dispiace tanto cercherò di non perdermi più nemmeno uno martedi prossimo lo leggero ad ogni costo ** scusami davveroo , lo sai sei sempre unica e inimitabile.. sei Grandee **
    un bacionee enorme non vedo l’ora di leggere il rpossimo capitolo ** Ti voglio beneee **

  2. Della serie..TANTA ROBA FRA!!!
    domanda d’iscrizione all’esame da professionista di classica e sabato ho un concorso alla fiera di milano??? wow che cosa fantastica!!! Lo sempre sostenuto che sei una grande!!!
    Grazie mille per il bel commento alla storia..e non preoccuparti per il ritardo..anch’io sono stra-incasinata. Meno male che ci sono alcuni giorni di festa perchè sto dando veramente di fuori!!! O.O E mi riprenderò in una maniera spettacolare!! Vado a vedere i 30STM a Bologna *.*
    non vedo l’oraaaa!!
    Come sto? togiendo il fatto del concerto..come sempre..un’amarezza totale..però si sopravvive..
    un bacione e in bocca al lupo per sabato!!
    ti voglio bene
    un bacione grande

  3. Ehii(: Ciaoo(: Tranquilla..behh si prp una bella coppiiaa(: graziiie dei commenti! Veramente è bello mathias??
    grassssiiieeee!!!ti voglio beennee..stupendo il nuovo bloggg…!
    unn baciioo grazie ancoraa..
    ps:sn in pensiero x Yara.. se hai sentito alla tv.-.
    abita nel paese accanto al mioo e come te aveva la passione della danzaa!
    poveretta speriamo che ritornii!
    ciaoooo ❤

  4. Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah! Ma quanto sono carini! *-*
    Più lo dico e più mi convinco che sia vero! Tesoro, è a dir poco splendida! *-*
    Complimenti, questo è un capitolo stupendo!
    E Julia, quanta tenerezza che mi fa! Chissà quanto deve aver sofferto in passato, per aver così tanta paura di un sentimento come quello di Gustav…
    Bellissima, Bonds, ogni capitolo di più.
    Sei sempre più brava, capitolo dopo capitolo, Fan Fiction dopo Fan Fiction.
    Complimentissimi!

    Non immagini che piacere mi abbia fatto sentirti su msn ieri sera, anche se solo per pochi secondi! Era tantissimo tempo che non parlavamo in chat! Da Natale dell’anno scorso! O.O
    Come stai? Tutto bene?
    Tanta tanta MERDA per il concorso di oggi! Sono sicura che andrà bene!
    Appena puoi fammi sapere com’è andato! 🙂
    Per il resto? A scuola come sta andando? Sempre problemi con la fusione delle due classi?
    Noi siamo sempre meno (a partire dal primo anno abbiamo perso NOVE persone!!!) ma giorno dopo giorno diventa sempre più impossibile accostare gli impegni ed avere un po’ di tempo per sè senza dare fuori di matto! :S

    Come vedi, oggi sono stata a casa da scuola. In teoria dovevo farmi interrogare in matematica, in pratica hanno spostato la nostra classe in aula ovale (una sorta di aula magna ben poco magna, per un liceo delle dimensioni del nostro…) e saremo lì ancora per lunedì. Così niente lavagne, e niente tavoli su cui appoggiarsi per prendere appunti.
    Inoltre oggi l’orario prevede due ore di ginnastica (quindi quasi svacco) una di religione e due di matematica, ma quella di religione e la prima delle due di matematica sono occupate da una cosa di Amnesty International sul volontariato.
    Non che non mi interessi di Amnesty, anzi, però dato che lunedì ho l’interrogazione di italiano per recuperare il voto dello scritto (sì, sto andando male anche in Italiano, fa’ un po’ tu!), ho preferito stare a casa, dormire un paio di ore in più (attenzione, ho tirato fino alle 8.30!!! Non mi succede nemmeno alla domenica!) in modo da recuperare almeno in parte le ore di sonno che ho perso questa settimana per studiare filosofia e poi ho iniziato a studiare italiano. Ora ho staccato brevemente, ma appena invio il commento torno a studiare, così oggi pomeriggio finisco la prima versione di greco e inizio l’altra, e poi domani faccio una “bella” Full immersion di latino. -.-”

    Va beh, ho finito di riempirti il blog! xD
    Vado! Un bacione enorme tesoro! Mi ha fatto veramente tanto piacere sentirti! ❤
    A presto e ancora tanta MERDA per oggi! ^^

    Macky

    PS: Ma… sono io ad avere le allucinazioni, oppure c'è un effetto neve animata nel blog? Che cosa carina! *-*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...