“LE PAROLE DEL SILENZIO” Capitolo XXVI

 
 
                                                                                                                                                             by aquarius
  
 

Capitolo XXVI

Erano ormai diversi mesi che stavano insieme , mesi stupendi, peni d’amore, di emozioni e di passione; mesi senza  un litigio o una discussione.

Erano felici e innamorati anche se quella vita li metteva a dura prova;  stare lontani era sempre più difficile.

Per il compleanno di Gustav, avevano dovuto accontentarsi di una semplice telefonata: lui era a Los Angeles con la band.

Ma l’attesa e le distanze non erano l’unica cosa che tormentava Julia.

“Pronto Julia?”;

“Ciao Karin…”;

“come ti senti?”;

“Sono uno straccio. Ho lo stomaco a pezzi….spero che passi in fretta perchè non ce la faccio più. Mi sembra di aver inghiottito una scatola di chiodi”.

“Glielo hai detto?”;

“….No”.

“Ma Julia! Mi avevi promesso che glielo avresti detto”;

“….non-non arrabbiarti Karin. Io ci ho provato ma….quando ero sul punto di dirglielo, non ho più avuto il coraggio di farlo”.

“Julia, tu stai giocando col fuoco; lo sai vero?”;

“Si, lo so ma credi che sia così facile?”;

“….lo so ma…il tempo passa e lui non sa ancora niente. Ahh Julia, più va avanti e più la situazione si fa complicata”;

“glielo dirò appena tornerà dagli Stati Uniti. Adesso voglio che sia tranquillo e che non abbia pensieri per la testa. E’ lontano da oltre un mese, manca poco ormai….”.

“Come vuoi Julia, questa è una decisione she spetta solo a te ma sappi che su di me potrai sempre contare”.

“Lo so Karin e ti ringrazio per questo ma smettila di preoccuparti, vedrai andrà tutto bene…Gustav mi ama ed è solo questo che conta”.

“Hai ragione, andrà tutto bene….e con Sebastian? Che farai?”;

“Onestamente non lo so. Non voglio pensarci ma questo non mi preoccupa. Ciò che mi preoccupa è che mi  gira sempre intorno; le sue attenzioni mi infastidiscono non sopporto più che mi prenda la mano, che provi ad abbracciarmi o  baciarmi quando siamo da soli in negozio e soprattutto non sopporto che continui a ripetermi che mi ama e che ha commesso un errore e che devo dargli un’altra opportunità”.

“Ne ha avute fin troppe, adesso cosa vorrebbe eh? che tornassi con lui? Adesso sei felice e lui dovrebbe farsi da parte; nella tua vita lui è un capitolo morto e sepolto”;

“Il punto è che lui non riesce a farsene una ragione capisci? Ha avuto vita facile con me….se ne andava e poi tornava quando voleva….tanto io ero sempre lì”;

“Ora è tutto passato; non pensarci più. Vado a lavorare anche se non ne ho affatto voglia. Mi raccomando, chiama se hai bisogno capito?”;

“Capito. Ti voglio bene Karin”;

“Te ne voglio anche io”.

E invece era preoccupata e sperava con tutto il cuore che tutto andasse bene ma non ne era affatto sicura. Strinse forte tra le dita il ciondolo che le aveva regalato.

Cosa avrebbe pensato? Come si sarebbe comportato? Chiuse gli occhi e si strinse le braccia intorno allo stomaco.

Aveva paura…..tanta paura.

Passò l’estate e arrivò l’autunno col suo vento freddo, le sue foglie gialle le giornate uggiose scaldate dall’amore di Gustav, dalla sua tenerezza, dalle sue premure….

“Hei Julia…tesoro stai ancora male?”;

“No-non preoccuparti, adesso mi passa”;

“Credo che sarebbe ora che andassi dal dottore”;

“Non è necessario…è solo un pò di stress, vedrai, fra qualche giorno starò meglio”;

“allora resta a casa oggi, non andare a lavoro: io sbrigo un pò di commissioni e torno subito da te”;

“no, non posso lo sai….devo lavorare e tu, hai ancora molte cose da fare. Tra qualche giorno ci saranno gli Ema e ” disse accarezzandogli il viso, “ dovrai essere il più bello, il più affascinante e il più elegante di tutti”;

“…ma così, tutte le ragazze non avranno occhi che per me; e…. non sarai gelosa?” disse stringendola forte;

“Io sarò sempre gelosa….. ma tu, penserai solo a me, vero?”;

“Solo ed esclusivamente a te. Lo sai che ti amo”.

Julia sospirò: “ti amo tanto anche io”; lo baciò con trasporto e lo strinse forte.

“Adesso vado o arriverò in ritardo”;

“ci vediamo stasera”;

“a stasera”.

Julia si infilò il cappotto e uscì di casa.

Poco dopo arrivò al centro commerciale e trovò Sebastian che controllava alcuni prodotti.

Come sapeva fingere bene: davanti agli altri era irreprensibile, gentile e distaccato ma quando erano soli…

Quanto era stata ingenua!

Ripose le sue cose nello spogliatoio e iniziò a lavorare.

Sistemò tutta la merce che era appena arrivata in magazzino e poi iniziò ad allestire le vetrine: Natale era vicino e da lì a poco, la profumeria sarebbe stata affollatissima e non avrebbero più avuto il tempo di respirare.

Che bello….il nostro primo Natale insieme” ma all’improvviso si sentì mancare il respiro;

 non si sentiva affatto bene: lo stomaco continuava a farle male e aveva la testa nel pallone!

“Quando finirà questa giornata…..non mi reggo in piedi”; chiuse gli occhi e respirò profondamente. Si massaggiò le tempie e riprese a sistemare i rossetti nell’espositore.

“Ciao dolcezza! Oggi sei più bella che mai”; Julia sollevò lo sguardo e si ritrovò Sebastian che la fissava con la solita lasciva luce negli occhi. Diede una rapida occhiata in giro: le altre commesse erano già in pausa.

“Piantala Sebastian e non chiamarmi più dolcezza!”;

“Su zuccherino, non essere così cattiva con me…. io ti amo lo sai e se”;

“Fermo! Tu non ami nessuno….solo te stesso perciò lasciami in pace”.

“Come siamo scontrose… Io e te abbiamo condiviso tantissime cose….e”;

“e per fortuna adesso non è più così”;

“non la pensavi così quando dividevo… il tuo letto”;

“Già”; al ricordo, un brivido le corse lungo la schiena.

 ”Che grave errore! Mi hai avuta, è vero ma….”;

“Ma?”;

“ma non mi meritavi. Io non ho dimenticato ciò che mi hai fatto ma …. adesso non ha più nessuna importanza  ”.

“Davvero? “;

“Si; non mi importa più niente. Adesso sono felice, finalmente conosco l’amore, quello vero. Ho un uomo che mi ama, che mi desidera, che mi fa sentire la donna più bella del mondo. Lui mi rispetta e non si prende gioco di me” si voltò di scatto e cercò di allontanarsi ma Sebastian la afferrò per un braccio e la attirò a sè.

“Non posso credere che hai dimenticato tre anni passati con me….no, non è vero. Lo dici solo per ferirmi. E’ giusto, dopotutto me lo sono meritato ma tu non hai certo dimenticato quando ti stringevo forte, come adesso; non hai dimenticato come ti batteva il cuore quando ti accarezzavo piano e sfioravo la tua pelle….no non l’hai dimenticato”;

“lasciami Sebastian, non toccarmi!”;

“e queste labbra…..queste labbra non hanno dimenticato il sapore dei miei baci…”;

Julia si sentiva debole, le girava la testa e all’improvviso tutto intorno divenne buio e confuso: sentì le labbra di Sebastian sulle sue ma non ebbe la forza di allontanarlo.

Un rumore improvviso di vetri rotti, la fece sobbalzare.

Con le poche forze rimaste riaprì gli occhi, si voltò nella direzione da cui proveniva quel rumore e oltre la vetrina infranta, vide Gustav che la fissava.

Il cuore cominciò a batterle forte nel petto: aveva uno sguardo carico di delusione, di dolore; uno sguardo carico di risentimento e di disprezzo.

Era peggio di uno schiaffo.

Aveva la fronte corrucciata, la mascella indurita,le labbra strette in una smorfia, i pugni chiusi.

Julia aprì la bocca per dire qualcosa ma la gola non emise alcun suono.

Non era possibile, no;

 non poteva essere vero: in quegli occhi brillava una luce di accusa, di disgusto; si divincolò dalla stretta di Sebastian e tentò di muovere un passo.

Si sentiva morire, quegli occhi erano più taglienti di un pugnale conficcato in mezzo al petto.

Le lacrime le offuscavano la vista e il respiro usciva faticosamente dai polmoni, schiacciati  come sotto una pressa.

“Gustav io…” ma lui non le diede il tempo di finire.

Le voltò le spalle e correndo si allontanò in fretta da lì.

“Gustav…Gustav ti prego…..ti prego non andartene” cercò di corrergli dietro ma lui era già lontano.

“Gustav….”  si accasciò a terra sconsolata e incredula, piangendo a dirotto.

                                                                                                                           continua

Annunci

11 commenti su ““LE PAROLE DEL SILENZIO” Capitolo XXVI

  1. Ma come!!!???!! non è possibile…così sbucato dal nulla..O.O non ci credo…
    PANICOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO…oddio ora come minimo la uccide O.O
    Fraaaaaaa….non puoi spezzare così i capitoli..!!
    comunque è sempre bellissimo *.*
    scusa la domanda ma Julia è incinta per caso????????
    un bacione
    ti voglio bene

  2. Ma no! Gustav fermati!
    Oh, ma sempre nell’unico momento sbagliato, questi qui, eh? Anche ieri stavo leggendo un libro bellissimo, Torment, e quando l’amico della protagonista la bacia… naturalmente proprio in quel momento compare il ragazzo della suddetta fanciulla, che assiste alla scena e se ne va, infuriato come non so cosa!
    Avranno un sesto senso, a questo punto, i fidanzati, per trovarsi nel luogo sbagliato al momento sbagliato! D:
    Oddio, quanta suspance, voglio leggere il prossimo capitolo! Speriamo che si rimetta presto tutto a posto! ):
    Un bacione tesoro, è veramente bellissimo, anche se terribile… ):
    Ti voglio bene! MAcky

    • tesoro grazie mille per i commenti sei sempre tanto gentile. Come stai?
      tutto bene? Io sono veramente stressata ma soddisfatta.
      scuola va tutto a meraviglia e danza beh, sono super impegnata. Ho gli esami da professionista in primavera di danza classica e stiamo provando nuove coreografie di passo a due. Danze irlandesi mi piacciono e mi coinvolgono sempre di più peccato che stia per finire lo stage.
      posti oggi o domani tesoro?
      non vedo l’ora di leggere il capitolo 2.
      un bacio tesoro!

  3. ehi ciao tesoro!!contenta??Tranquilla fa niente anche io in questo periodo sono molto impegnata!!cmq che racconti?scuola amici cm va?danza??
    cm va??io tutto bene!
    vado a postare il 1°capitolo!
    ah ah hai ragione il seguito sarà davvero bello se la fantasia me lo permette!!!
    un bacioo grazie a te!
    ciaooo ti voglio bene

  4. Tesoroooooooooooooo!! Ok ho capito…Julia è incinta ^_^
    grazie mille per il tuo commento..sei sempre stra dolce!!!!
    io sto benino..sono mezza malata ma sto benino..completamente afona dal giorno del concerto xD..a scuola sto dando i numeri! Non ce la faccio più!! Fortunatamente da domani finisco con le interrogazioni e il mio cervello si imposta automaticamente sul livello VACANZA fino al 10 di Gennaio!!
    Che bella la campania..sono stata a Napoli…ma avevo solo 4 anni..ho solo qualche flash abbozzato di ricordi..di cui la maggior parte sono di io che mangio al MC Donalds per la prima volta xD
    Beh posso augurarti buona fortuna per tutte le coreografie e per la scuola…
    e io rimango dell’idea che Julia è incinta!! ^_^
    grazie di nuovo..un bacione
    ti voglio bene

    • O.O WHAT?! Oddio, se la Eu ha ragione… WAAAAAAAAAAAAAA FACCIO I SALTI DI GIOIA! Sarebbe troppo bello! *-*

      Ok, adesso ti lascio un commento tutto mio, senza attaccarmi alla Eu. 😀

  5. Eccomi qui! Tesoro scusami, ma è stata una settimana PESSIMA. Oggi mi ha interrogata in letteratura greca, mi sono fatta prendere dal panico e quindi ho fatto un po’ di sciocchezze, così la prof ha detto che non le sono piaciuta molto, e che mi farà ancora qualche domanda nei prossimi giorni. Caspita, mi rode. Sì, R O D E, perchè le cose le sapevo, solo che avevo paura di dirle, sicura che fossero sbagliate, e poi invece erano giuste! E’ così che mi rovino da sola, sempre! Così è in storia, così è stato in parte in filosofia, e così ora in greco! Devo superare questa paura, altrimenti col cavolo che arrivo all’ultimo anno! D:

    Va beh, a parte questo… no, ho postato oggi pomeriggio, perchè prima non avevo proprio tempo.

    Ho letto sul blog della “zia” Eu che per Natale andrai in Campania dai tuoi nonni, giusto? Che bello! Credo che la settimana prossima posterò un po’ prima, e poi farò pausa anche io nelle vacanze, perchè è giusto stare in famiglia e non davanti ad un computer, così per lo meno non perderete troppi pezzi per strada!

    Oh, che peccato che sia quasi finito lo stage di danze irlandesi! Ci sarebbe la possibilità di intraprenderla proprio come disciplina? Intendo come fai già classica? Non so se mi sono spiegata… comunque, anche se fosse possibile, probabilmente sarebbe troppo impegnativo! O.O

    Beh, che altro mi racconti?

    Ora mi dileguo, rispondo all’ultimo commento e poi vado a letto, oggi che posso riposare un po’ di più senza l’ansia di compiti ed interrogazioni! xD

    Ho provato a sistemare le impostazioni di blogger, come ti ho già scritto in bacheca, spero che stavolta funzioni!
    Un bacione enorme, ti voglio bene!
    Ci sentiamo prima delle feste! Macky

  6. Ciaoo tesoro mio (: Giàà tenerissimi(: grazie sei sempre gentile (:
    cmq diciamo che procede tutto alla meravoglia(: sono tornata da poco dallo spettacolo di natale dei bimbi del cri!Sono stati adorabilii(:alla fine del balletto mi hanno deetto :”TUTTO GRAZIE A TE!”che teneriii(:
    poi scuola bene bene non c’è da lamentarsi anche perchè ho su tutte le materie(:colloqui sono andati bene..quindi non devo dire niente
    pallavolo beh ieri solita sconfitta.ormai è un abitudine ma si vedrà che col tempo diventeremo dei fenomeni(:xD lo spero…
    beh si si sente la mie euforiaa sono stra felice in questo periodo..
    beh poi per quanto rigurda l’oratorio emh??ah si gli A.D.O che sarebbe catechismo serale..(in poke parole ci ritroviamo dal 97 al 91 e ci dividiamo per annate nelle aule e parliamo ridiamo e scherziamo) ieri hanno fatto estrazione regali e io devo farlo a quello che mi piaceva e che ora non mi piace più!siccome è interista ho pensato di fargli un cd con l’inno dell’inter e sopra la foto della squadra che ne dici?beh si è una cagatina..
    daii graziee!davvero ti è piaciuta la dedica??ah ah che dolce!
    vado..però per adesso non posto non ho il tempo devo terminare i compiti!penso di iniziare a postare quando iniziano le vacanze!
    Bacioo
    ti voglio bene!

  7. Tesorooo **
    wow questo mi ha lasciata con il fiato sul collo e una voglia di sapere la verità c’è non puoi capire che sensazione sto provando, c’è non mi dire che a Julia e successo quello che penso che io faccio i salti di gioia, c’è non ci credo e impossibile che sia successo ma estremamente bellissimoo oddioo ** nooo tesoroo non mi puoi lasciare cosi vedi assolutamente dire che e successo la curiosita mi sta proprio prendendo in questo momento *-* ma comunque un capitolo strepitoso come la tua bravura ogni volta nel scriverlo e indescrivibile, vedere che tutti questi mesi che sono passati, loro siano sempre stati cosi belli insime felici sensa un litigio perche talmente forte il loro amore che niente potrebbe distruggerlo, ma sempre più innamorati e felici insieme ** anche se la distanza deve far male a tutti e due poi hanno dovuto anche passare il compleanno di Gustav
    con una telefonata. Ma poi c’è per me e davvero quello non può non essere non mi verrebbe in mente niente che possa essere e abbia gli stessi segnali che ha Julia mal di stomaco e credo anche nause… oddioo se ci penso mi metto a piancere dalla giuoia
    te lo giuro fra stavo con le lascime appena ho letto c’è e troppo bello, ma lei lo deve dire Gustav deve sapere non può non dire nulla posso immaginare la paura e che non voglia dirlo al telefono ma a faccia a faccia, dirlo in modo anche più carino del telefono che
    poi lo puo spaventare e preoccupare sapendola cosi lontana, la capisco del perche non lo abbai detto subito anche se sarebbe stato meglio ma anche Karin ha ragione più avanti si va e più sarà difficile e complicato da dirgli e si potrebbe anche arrabbiare, ma io capisco in pieno Julia la paura che sente, la preoccupazione pur sempre una sensazione nuova che sta provando ed e spaventata poi sapendo la situazione di Gustav deve essere tutto ancora più difficile sapendo che e famoso sempre lontano per lavoro, la capisco in pieno davvero che lo voglia vedere tranquillo e non con questo pensiero per la testa che non lo sarebbe lavorare tranquillo e che voglia aspettare che torni visto che manca poco, ma so che Karin lo fa perche le vuole bene e non vuole vederla stare male ma e sono sicura che le starà sempre accanto aiutandola anche su questo e rassicurandola che andra tutto bene*-* Noo sebastian noo, ma perche c’è sempre lui in giro ma uffa ha proprio rotto che se ne vada per la sua strada e non rompa ha proprio scocciato poi questo continuo starle dietro provarci uff mi manda il sangue al cervello ma lo vede che lei non lo vuole che ha un altro che la smetta di scocciare e invece no, spero proprio che la lasci persto stare ci manca solo lui.
    Non sai quanta tenerezza mi faccia Julia e cosi fragile e con questa situazione lo e ancora di più capisco la paura che abbia se Gustav non la prendesse bene, di cosa possa pensare e posso immaginare la sua confusione, pero dopo il tempo che e passato e ora che lui e tornato perche non lo ha detto perche, me lo sto ancora domandando perche lo dovrebbe dire sono sicura che Gustav non la prenderebbe male ora in questo momento dopo non so come la potra mai prendere, ora in un momento cosi felice in cui stanno vivendo di felicità gioia insieme pieno d’amore questa notizia dovrebbe farli piacere, poi la vede sempre stare cosi male si peroccupa solo inultimente non sapendo cosa le sta succedendo e non
    sapendo come aiutarla ed e cosi premuroso a starle sempre vicino e dirle di andare a farsi vedere quando lei sa cosa le sta succedendo ed e un amore nel dirgli di non andare a lavoro e che lui le starebbe vicino elei cerca sempre di dirgli che sta bene e che lui deve occuparsi del lavoro visto che ci sono gli Ema e dovra essere il più bello anche se sarà gelosa ma sapendo che lui l’ama e che pensa solo a lei come lui le conferma *-*
    Oddiooo io non lo sopporto più ti prego mandalo in Alasca perche io non lo voglio più vedere a questo idiota ma come può ancora darle fastidio sono a dir poco nervosa per colpa di sto inbecille deve andarsene davvero lontano dalle vite di Julia e Gustav, Julia era cosi carina stava per fatti suoi a sistemare la merce e pensando che questo natale sarebbe stato il loro primo Natale insieme e poi si sente anche uno svenimento e lui che fa se ne approfitta anche ad andare da lei a infastidirla per l’ennesima volta quando lei già gli aveva detto di andarsene via e continua a chiedere di uscire di avere un’altra possibilità che l’ama e bla bla bla , ma dai si vede lontano un km che sta figgendo che l’unica cosa che vuole e solo riaverla sapere che lei e di sua proprioetà per poi lasciarla di nuovo come ha semrpe fatto e solo un povero scemo, lei e davvero un tesoro e fa bene a dirgli quanto Gustav sia migliore di lui quando sia la persona migliore di questo mondo quando lui non e nulla, zero, poi lui pensa che lei stia mentendo e invece no ti sbaglio e la pura verita lei finalmente e felice e non è merito tuo ma di un vero uomo. ma purtroppo come posso dire quello e un grande approfittatore che appena la vede andare le va subito vicino e l’afferra per non parlare di quando la vede sentirsi male e in quel momento la bacia quando lei era troppo stordita che si sentiva svenire e non si rende conto di quello che sta succedendo non lo riesce a scostare nel sentirsi svenire ma purtroppo il destino fa arrivare le cose nel momento sbagliato çç nooo ho il cuore a pezzi nel sapere che Gustav era lì e ha visto questa scena orribile che non sarebbe mai successo se lei non si fosse sentita male e stato uno sbaglio dovuto per colpa di un essere insignificante che se ne apposittato
    e lei poverina ora e distrutta nel sapere che è arrivato nel momento sbagliato ç_ç ma perhce non poteva arivare dopo o prima che succedesse questo o Julia non poteva non andare a lavoro ç_ç non sarebbe successo nulla, ma purtroppo il destino fa brutti scherzi e Gustav come qualsiasi persona nel vedere la proprio ragazza baciare il suo ex ma che lui non sapeva di esserlo ma vederla lìtra le braccia di un altro non costandosi, fa solo pensare che
    lo ha ingannato quando non e vero ç__ç lei non lo farebbe male si e solo sentita male purtroppo e non se ne resa conto ç_ç quando sente il vetro che si rotte per il colpo di Gustav oddioo stavo con le lacrime anzi ci sto ancora solo al pensiero perche e orribile non doveva succedere a loro una coppia cosi bella e perfetta come la loro, un amore cosi vero questo non lo meritava, vedere Julia con le lacrime agli occhi nel sapere che lui ha visto e che non doveva succedere , vederlo andare via correndo e lei che cerca di rincorrere ma non ci riesce oddioo lui che la guarda con delusione rabbia e disprezzo noo ti prego e troppo da sopportare ç__ç poi vederla piangere il quel modo stare cosi male e sentirdi cosi a pezzi nel vedere quello sguardo nei suoi confronti troppo una sensazione cosi forte che mi ha fatto piangere cosi non lo mai provata nel leggerla çç oddioo spero che si riaggiusti tutto ti prego tesoro fai che chiariscano non può andare cosi sia per quello che è successo a Julia e sia perche il loro amore e troppo importante, e cosi raro cosi unico cosi intenso e vero che non può essere rovunato cosi non può çç non e giusto deve vivere ancora questo amore perche è il più bello che abbia mai letto e deve vivere per semrpe devono essere felici insieme perche solo cosi posso essere completi sensa non possono stare non saranno ma completi solo insieme ** Bravissima con questo ti sei superata il migliore in assoluto cosi vero e intenso ma cosi triste anche ma comuqneu bellisismo e veroo **
    Ti voglio un mondo di bene tesoro e sei sempre fantastica Grazie delle amozioni stupende che mi dai solo tu *-*
    Un bacionee Tesoro *-*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...